Home > News > Warren sta elaborando una legge per controllare l’attività russa in cripto

Warren sta elaborando una legge per controllare l’attività russa in cripto

  • Ci sono preoccupazioni bipartisan sul ruolo delle criptovalute nel consentire alla Russia di aggirare le sanzioni economiche
  • Il disegno di legge proposto da Warren richiederebbe agli exchange di criptovalute di tracciare e inviare record sulle transazioni a portafogli di criptovalute privati

Mentre le sanzioni contro la Russia diventano severe e sempre più aziende, tra cui Visa e MasterCard, si uniscono all'elenco di coloro che hanno sospeso le operazioni nel paese, la classe politica degli Stati Uniti vuole fare un ulteriore passo avanti per garantire che "la crittografia non venga utilizzata da Putin e dai suoi compari per minare le nostre sanzioni economiche", come ha affermato la senatrice democratica Elizabeth Warren.

Secondo un rapporto pubblicato per la prima volta da NBC News martedì, la senatrice senior del Massachusetts sta elaborando un atto legislativo per reprimere le criptovalute e impedirne l'uso da parte della Russia per eludere le sanzioni. Il disegno di legge proposto intende costringere gli exchange a scegliere da che parte stare minacciando sanzioni secondarie.

"Mira a costringere le aziende a scegliere tra fare affari negli Stati Uniti o con persone ed entità sanzionate minacciando sanzioni secondarie sugli exchange di criptovalute esteri", si legge nel rapporto di NBC News.

Il disegno di legge, che Warren intende presentare a breve, richiederà che gli exchange di criptovalute presentino al Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti "record dettagliati" sulle informazioni identificative dei clienti. Inoltre, renderebbe un requisito obbligatorio tracciare le transazioni su portafogli crittografici privati e inviare rapporti sugli stessi.

Ci sono prove che gli exchange di criptovalute non siano conformi alle sanzioni

In una lettera inviata alla Segretaria al Tesoro Janet Yellen la scorsa settimana, Elizabeth Warren ha guidato i senatori Jack Reed, Mark Warner e Sherrod Brown a sollevare preoccupazioni sul fatto che la scena cripto richieda una rigida applicazione delle sanzioni poiché le entità possono sfruttarla per aggirare i sistemi finanziari tradizionali.

I quattro senatori democratici temono che gli exchange non facciano la loro parte per garantire il rispetto delle sanzioni. Inoltre, parlando con MSNBC ieri, Warren ha notato che ci sono prove per dimostrare che non tutte le piattaforme cripto sono conformi ai requisiti KYC e fanno sforzi per imporre sanzioni.

"Abbiamo molte prove del fatto che non tutte le piattaforme crittografiche stanno effettivamente aderendo a queste regole, esse non raccolgono le informazioni, le riportano e poi chiudono dove sono previste sanzioni", ha detto ad Andrea Mitchell di MSNBC.

Gli sforzi per creare una nuova regolamentazione in merito alle sanzioni arrivano anche quando il Financial Crimes Enforcement Network lunedì ha chiesto alle organizzazioni con visibilità sulle criptovalute e sulle valute virtuali convertibili (CVC) di segnalare attività potenzialmente sospette riguardo alle sanzioni per aggirare. FinCEN ha riconosciuto che non era " necessariamente praticabile" che i CVC vengano utilizzati per eludere sanzioni di così ampia portata.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.