Home > News > Visa e ConsenSys costruiranno insieme una tecnologia ponte per le CBDC

Visa e ConsenSys costruiranno insieme una tecnologia ponte per le CBDC

Il colosso dei servizi di pagamento intende abilitare le transazioni degli utenti tramite portafogli digitali o carte Visa abilitate per CBDC

La società internazionale che offre servizi di pagamento Visa ha collaborato con la società di tecnologia software ConsenSys per creare una tecnologia per le valute digitali della banca centrale (CBDC). La partnership segnalata per la prima volta da Bloomberg cerca di far avanzare le reti delle valute digitali sovrane.

Visa ha affermato che costruirà una sandbox CBDC che sarà disponibile nella prossima primavera. Questo test aiuterebbe le banche centrali a testare prototipi CBDC e programmi pilota. La società finanziaria globale spera che questa iniziativa aiuti a colmare la frattura esistente tra i sistemi finanziari e le CBDC.

"Abbiamo parlato con quasi 30 banche centrali per comprendere le loro prospettive sulle CBDC e per identificare i modi in cui la nostra rete, infrastruttura e servizi a valore aggiunto possono supportarle", ha detto un portavoce a Blockworks.

Il capo della CBDC presso Visa, Catherine Gu, ha spiegato che la tecnologia consentirebbe agli utenti di effettuare transazioni in CBDC dai loro portafogli digitali o carte Visa abilitate presso tutti i commercianti Visa. Ha osservato che i prossimi anni saranno fondamentali per comprendere il ruolo che svolgeranno le CBDC e come coesisteranno diverse forme di denaro con i sistemi di pagamento: quest'ultimi sono una sfida al momento.

Centralizzato o decentralizzato?

Visa potrebbe lavorare per definire la tecnologia per abbracciare l'idea di una CBDC, ma il rappresentante del Minnesota Tom Emmer non è convinto di queste risorse digitali. Sebbene sia un noto appassionato di criptovalute, non è mai stato un fan delle CBDC poiché la sua preferenza risiede in una risorsa digitale decentralizzata.

Lo scorso ottobre, ha dichiarato alla Commissione per i servizi finanziari della Camera che per una versione digitale del dollaro, una valuta decentralizzata offrirebbe l'opzione migliore per consentire l'integrazione degli utenti nel sistema finanziario digitale mantenendo la loro privacy.

A differenza delle valute decentralizzate e senza autorizzazione come Ether e Bitcoin, le CBDC sono emesse dal governo e ospitate su una blockchain centralizzata e autorizzata. Basandosi su questa argomentazione, Emmer sta ora combattendo contro le CBDC mentre prevede di presentare un disegno di legge che impedisca alla Federal Reserve di sviluppare quella valuta.

Ha osservato che la centralizzazione dei dati finanziari degli utenti da parte delle CBDC ridimensionerebbe la vulnerabilità ad un attacco. Inoltre, ha spiegato che la possibilità di una sorveglianza del governo ha sollevato problemi di privacy.

L'ambizione di Visa

In qualità di azienda che opera nell'ambito dei pagamenti, Visa ha deciso di esplorare le opzioni di pagamento digitale nel nuovo sistema finanziario e, in aggiunta, anche CBDC e stablecoin. A settembre dello scorso anno, la società ha proposto la creazione di una piattaforma per ospitare un ambiente interoperabile per CBDC e stablecoin.

La proposta di Visa consentirebbe l'interoperabilità cross-chain tramite un hub UPC (Universal Payment Channel). L'hub si unirebbe alle reti blockchain e consentirebbe transazioni incrociate sicure.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.