Home > News > Sviluppatori di Ethereum non sono d’accordo con Morgan sulla perdita di potere

Sviluppatori di Ethereum non sono d’accordo con Morgan sulla perdita di potere

Il team di analisti aveva previsto che la quota di mercato di Ethereum avrebbe continuato a ridursi

Mercoledì scorso gli analisti di ricerca di JP Morgan Chase & Co. in un team guidato da Nikolaos Panigirtzoglou hanno affermato che Ethereum rischia di essere tagliato fuori dagli ecosistemi blockchain concorrenti.

La proiezione di JP Morgan

Secondo Bloomberg, gli analisti della banca d'investimento americana hanno affermato in una nota che la quota di mercato di Ethereum potrebbe rimanere sulla strada del declino fino all'arrivo della fase finale, lo sharding. Definita la fase più critica per il ridimensionamento, non dovrebbe arrivare fino al 2023.

È evidente che Ethereum abbia visto un calo del dominio nella nicchia della finanza decentralizzata. All'inizio del 2021 aveva quasi il 100% del valore totale della DeFi, una cifra che è scesa a circa il 70% nel corso dell'anno.

JPMorgan ha anche notato che una situazione "piuttosto problematica" per Ethereum è che la maggior parte delle quote che sta perdendo è formata da blockchain indipendenti e non da quelle che si affidano al livello 1 di Ethereum per la sicurezza.

I concorrenti tra cui Terra, Solana, Binance Smart Chain (BSC) e Avalanche sono cresciuti negli ultimi dodici mesi. Attualmente stanno anche assistendo ad un aumento degli investimenti monetari istituzionali. La previsione è che questi ecosistemi si saranno evoluti così tanto che, nel momento in cui il ridimensionamento di Ethereum sarà terminato, gli utenti che sono migrati in passato non vorranno tornare ad esso.

"In altre parole, Ethereum è attualmente in un'intensa corsa per mantenere il suo dominio nello spazio applicativo. L'esito di questa corsa è tutt'altro che scontato, a nostro avviso", ha osservato la banca multinazionale.

Inoltre, le entità istituzionali hanno iniziato a fare il tifo per altri ecosistemi. Bank of America il mese scorso ha proposto la piattaforma di contratti intelligenti Avalanche come alternativa affidabile a Ethereum in DeFi, giochi e NFT.

Gli sviluppatori non sono d'accordo

Gli sviluppatori principali di Ethereum, tuttavia, hanno respinto la previsione di JPMorgan. Hanno scritto a Decrypt dissipando ogni preoccupazione e indicando i numeri che mostrano che Ethereum si qualifica come la blockchain più utilizzata.

Tegan Kline, che ha co-guidato il team di sviluppatori dietro il protocollo di indicizzazione Ethereum The Graph, ha affermato che la sicurezza rimane un fattore essenziale per consentire le transazioni in futuro e ha classificato Ethereum come uno dei migliori in termini di sicurezza.

Kline ha aggiunto che una volta che Ethereum 2.0 sarà caduto, sarà anche in grado di sfruttare gli incentivi token che stanno fortemente guidando altre blockchain. Tim Beiko, coordinatore delle riunioni degli sviluppatori principali di Ethereum, ha affermato che l'opinione di JPMorgan sembrava essere una critica di alto livello.

"I rollup sono disponibili oggi e lo sharding ridurrà i costi, ma la tecnologia funziona ed è ora decisamente meno rischiosa", ha osservato.

Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.