Home > News > Senatore liberale australiano propone regolamentazione delle risorse digitali

Senatore liberale australiano propone regolamentazione delle risorse digitali

  • Il senatore Andrew Bragg ha presentato una proposta che spinge per politiche a tutela del consumatore
  • La proposta legislativa, se approvata, definirebbe la regolamentazione per DAO, mercati crittografici, servizi di custodia e tassazione

L'Australia entrerà a far parte dell'elenco mondiale dei paesi che hanno adottato iniziative volte a regolamentare l'uso e l'adozione delle risorse digitali. Secondo recenti rapporti, il governo australiano prevede di ridefinire lo stato dei sistemi di pagamento, una mossa che interesserebbe anche le valute digitali.

L'obiettivo è creare misure di protezione degli investitori, leggi per la tassazione delle criptovalute e regolamentare le società di custodia e gli exchange di asset digitali.

"Il governo non può garantire le tue criptovalute più di quanto possa garantire un dipinto o una quota in una società, e nemmeno dovrebbe", ha osservato la ministra dei servizi finanziari australiano Jane Hume. "Ma possiamo assicurarci che gli scambi, i depositari e i broker australiani – attori australiani nell'ecosistema crittografico – funzionino all'interno di un quadro normativo migliore, più sicuro".

Legge sui servizi digitali

I cambiamenti imminenti includono, tra le altre cose, le riforme presentate in una relazione parlamentare dal senatore liberale Andrew Bragg.

Intervenendo oggi alla conferenza dell'Australia Blockchain Week, il senatore ha affermato che a seguito di incontri consultivi, sono state raggiunte raccomandazioni su DAO, debanking, servizi di custodia, tasse, licenze e token.

Bragg ha rivelato una proposta di legge che, secondo lui, getterebbe le basi per una nuova dispensa per le risorse digitali. Ha affermato che il "Digital Services Act" garantirebbe la protezione del consumatore e sarebbe costruito attorno a quattro principi fondamentali.

Si tratta di ampiezza e flessibilità, regolamentazione da parte di un ministero invece di un ente governativo, neutralità tecnologica e impiego di risorse e personale governativi.

L'effetto delle DAO sul regime fiscale australiano

Il senatore Bragg ha osservato che l'Australia fa molto affidamento sulle tasse applicate alle società, tanto da essere il secondo paese per reddito dietro l'imposta sul reddito. Ha spiegato che le organizzazioni autonome decentralizzate (DAO) non rientrano nella definizione fiscale delle società, secondo la legge.

Ha teorizzato che questi gruppi decentralizzati potrebbero causare una "minaccia esistenziale alla base imponibile" se più aziende si trasformassero in DAO. Il senatore vuole nuovi minimi stabiliti per le organizzazioni in modo tale da avere quadri di protezione dei consumatori, regole standardizzate per i protocolli e responsabilità ridotta.

Bragg ha aggiunto che sarebbe opportuno garantire la divulgazione, l'audit e l'affidabilità del prodotto. Crede che questa sia un'opportunità ideale per stabilire tasse e regolamenti per promuovere lo spazio, piuttosto che ostacolarne la crescita.

Stato fiscale e mappatura dei token

Inoltre, il senatore propone che il Board of Taxation abbia il compito di rivedere le risorse digitali per chiarire diverse questioni come lo stato fiscale degli ICO, lo staking, i CBDC, gli airdrop, i giochi P2E, tra gli altri. Oltre alla revisione di questo Consiglio, il Tesoro condurrà anche la mappatura dei token per chiarire le attività: questa sarà la pietra miliare delle riforme più ampie che devono ancora venire.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.