Home > News > La Russia guarda a Bitcoin come forma di pagamento per le esportazioni di energia

La Russia guarda a Bitcoin come forma di pagamento per le esportazioni di energia

  • Pavel Zavalny afferma che la Russia ha perso ogni interesse per l'euro e il dollaro
  • Mercoledì, il presidente Putin ha chiesto a tutti i paesi ostili di pagare in rublo le esportazioni di energia russa

Rapporti recenti suggeriscono che Mosca sta esplorando modi per salvare la sua economia e rimetterla in carreggiata tra pesanti sanzioni da ovest. Il paese sta ora sfruttando una delle sue esportazioni più preziose: il gas.

La Russia ha già imposto che tutte le nazioni non alleate che cercano di acquistare gas debbano pagare in rublo russo, mentre nazioni "amiche" come Cina e Turchia possono pagare nelle loro valute legali o in rublo.

Bitcoin come opzione per gli "alleati"

Secondo un alto funzionario del governo, la nazione è aperta ad accettare Bitcoin come pagamento per le esportazioni di petrolio e gas. Giovedì il presidente del Comitato per l'energia della Duma di Stato, Pavel Zavalny, ha annunciato la nuova alternativa al pagamento in criptovalute in una conferenza stampa.

Tuttavia, ha indicato che questa disposizione sarebbe stata valida per i paesi "amici".

"Quando si tratta dei nostri paesi 'amici', come la Cina o la Turchia, che non ci fanno pressioni, allora offriamo loro di fare i pagamenti in valute nazionali, come rubli e yuan. Con la Turchia, possono essere usati lire e rubli. Quindi, ci possono essere una varietà di valute, ed è una pratica standard. Se vogliono usare bitcoin, scambieremo bitcoin", ha detto Zavalny.

Mosca è desiderosa di stare lontana dal dollaro USA e dalle valute euro, che ora considera "inutilizzabili". Zavalny era d'accordo con la decisione del presidente Putin di chiedere a tutti i "paesi ostili" di pagare il gas naturale in rublo o oro poiché la Russia non può commerciare nella "carta straccia" EUR e USD.

In particolare, dopo che Putin ha fatto l'annuncio di mercoledì sul rublo, i prezzi del gas in tutta Europa sono aumentati del 30%.

"Se non possiamo immagazzinare [l'euro], acquisirlo, se viene violata la possibilità di regolare in questa valuta con le nostre controparti, comprese quelle dell'Europa occidentale, allora perché dovremmo scambiare con questa valuta?", ha chiesto Zavalny. "Per noi, questa valuta si trasforma in carta straccia. Abbiamo perso tutti gli interessi in euro e dollari".

Cosa significa tutto questo per Bitcoin

Lo scorso ottobre, Putin ha detto ad Hadley Gamble della CNBC che, sebbene ritenesse che Bitcoin abbia un valore, esso non poteva essere utilizzato per completare gli scambi di petrolio. Tuttavia, le circostanze attuali potrebbero averlo spinto a cambiare idea.

D'altra parte, gli Stati Uniti, che hanno già vietato l'importazione di gas e prodotti dalla Russia, non hanno imposto sanzioni secondarie ai soggetti che ancora trattano con la Russia per tali prodotti. Se la rotta Bitcoin diventasse fattibile, potrebbe essere una nuova alba per i pagamenti transfrontalieri per le nazioni di tutto il mondo.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.