Home > News > Resoconto settimanale: L’exchange di criptovalute Coinbase è sotto i riflettori

Resoconto settimanale: L’exchange di criptovalute Coinbase è sotto i riflettori

L’autorità di regolamentazione sta rivolgendo la sua attenzione verso Coinbase nonostante l'azienda stia facendo passi da gigante nel mondo delle criptovalute

Coinbase vuol raccogliere 1,5 miliardi di dollari, ma la SEC chiede allo scambio di registrarsi

Coinbase, uno dei principali exchange di criptovalute negli Stati Uniti, ad inizio settimana ha rivelato che vuole raccogliere 1,5 miliardi di dollari attraverso un'offerta di debito. L'exchange ha riportato che la proposta è di vendere a investitori privati Senior Notes con scadenze al 2028 e al 2031, soggette alle condizioni di mercato e ad altri fattori. Coinbase utilizzerà i fondi per investire nello sviluppo del prodotto, per futuri investimenti e per acquisizioni di prodotti e tecnologie da altre parti del mondo e altre spese aziendali generali.

Il presidente della US Securities and Exchange Commission (SEC), Gary Gensler, ha detto alla commissione bancaria del Senato che Coinbase necessita di registrarsi con la SEC. Secondo Gensler, nessuna agenzia federale di regolamentazione ha una supervisione diretta delle attività degli scambi di criptovalute. Questo avviene appena pochi giorni dopo che la SEC ha intimato a Coinbase di chiudere il suo programma “Lend” senza dare alcuna spiegazione all’azienda. Gensler sostiene che la maggior parte dei progetti legati alle criptovalute sono titoli e dovrebbero ricadere sotto la giurisdizione della SEC.

Lo scambio di criptovalute ha depositato una richiesta presso la US National Futures Association (NFA) per lanciare futures e prodotti derivati sulla sua piattaforma. Coinbase vuole rendere possibile ai suoi trader, sia al dettaglio che istituzionali, l'accesso alle criptovalute attraverso veicoli di investimento alternativi. Se la NFA approva, Coinbase dovrà registrarsi presso la Commodity Futures Trading Commission (CFTC) per offrire futures e derivati ai suoi clienti.

Solana sperimenta un pesante blackout

La rete di Solana ha vissuto un blackout durato circa 24 ore. La rete è rimasta instabile per tutto il tempo, influenzando le transazioni di migliaia di utenti sulla sua blockchain. Gli ingegneri hanno poi risolto il problema, ma il blackout ha influenzato la performance della altcoin solana sul mercato. SOL la scorsa settimana veniva scambiato sopra la soglia dei 200 dollari, ma è sceso nell’area dei 150 dollari a seguito del blackout. L’obiettivo di Solana è rappresentare un concorrente temibile per Ethereum, Cardano e Binance Smart Chain.

I teatri AMC aggiungono ETH, LTC e BCH come metodi di pagamento

AMC, grande catena di teatri negli Stati Uniti, il mese scorso ha annunciato che avrebbe iniziato ad accettare pagamenti in BTC nelle sue 593 sale distribuite nel paese. Questa settimana il CEO della società, Adam Aron, ha annunciato che AMC accetterà anche ether (ETH), litecoin (LTC) e bitcoin cash (BCH). Ciò significa che BTC, ETH, LTC e BCH saranno accettati come metodi di pagamento nei quasi 600 teatri AMC negli Stati Uniti. La notizia evidenzia la continua adozione di bitcoin e delle altre criptovalute, e ci si aspetta che altre realtà aziendali facciano la stessa cosa nei prossimi mesi e anni.

Litecoin e la saga di Walmart

Un comunicato stampa poi rivelatosi falso, ha fatto salire la febbre intorno alla criptovaluta litecoin. Il falso comunicato è stato rilasciato da GlobeNewswire e in esso si sosteneva che la Litecoin Foundation aveva stretto una partnership con Walmart, il principale rivenditore negli Stati Uniti. Secondo il comunicato stampa, Walmart avrebbe iniziato ad accettare LTC come opzione di pagamento sulla sua piattaforma di e-commerce. Il comunicato stampa ha fatto salire il prezzo di LTC di oltre il +30% nel giro di un'ora.

Walmart a stretto giro ha negato tale accordo con la Litecoin Foundation, mentre GlobeNewswire ha chiesto ai giornalisti e ai lettori di ignorare la notizia in quanto falsa. Il prezzo del litecoin è quindi caduto di nuovo al suo prezzo iniziale non appena le dichiarazioni di smentita si sono diffuse. Anche la Litecoin Foundation ha cancellato il tweet sulla partnership con Walmart.

Google collabora con Dapper Labs

Il gigante tecnologico Google vuole entrare nel settore dei token non fungibili (NFT) attraverso la partnership con Dapper Labs. Google collaborerà con la startup canadese Dapper Labs per permetterle di scalare nell’ambito della blockchain. La partnership vedrà la blockchain Flow di Dapper Labs usare Google Cloud come operatore di rete. Questo fornirà soluzioni di scalabilità alla blockchain di Dapper Labs e le permetterà di ospitare più applicazioni decentralizzate (dApps) sulla sua piattaforma.

MicroStrategy compra oltre 5.000 Bitcoin

MicroStrategy è probabilmente la maggiore società quotata con partecipazioni nel mercato delle criptovalute. L'azienda da mesi investe in bitcoin e questa settimana ha aggiunto ulteriori partecipazioni in BTC. Lo sviluppatore di software di business intelligence ha infatti acquistato 5.050 bitcoin al valore di 242,9 milioni di dollari. Ogni BTC è costato a MicroStrategy circa 48.000 dollari ed ora MicroStrategy possiede 114.042 bitcoin. L'azienda in totale ha speso 3,16 miliardi di dollari per acquistare la criptovaluta ad un prezzo medio di 27.713 dollari. I bitcoin di MicroStrategy al momento valgono oltre 5 miliardi di dollari, che rendono l'azienda uno dei maggiori possessori della criptovaluta. Guidata da Michael Saylor, MicroStrategy è rialzista sul bitcoin e intende investire ulteriormente nella criptovaluta nei prossimi mesi e forse anni.

Interactive Brokers lancia servizi di trading sulle criptovalute

Interactive Brokers, una delle piattaforme di brokeraggio leader nel mondo, ha stretto una partnership con la Paxos Trust Company per lanciare servizi di trading sulle criptovalute per i suoi clienti. Secondo Interactive Brokers, i suoi clienti possono ora scambiare e custodire bitcoin (BTC), ethereum (ETH), litecoin (LTC) e bitcoin cash (BCH). Interactive Brokers ha affermato che la sua piattaforma ha basse commissioni comprese tra lo 0,12% e lo 0,18% per transazione di scambio, rispetto al 2% che la maggior parte degli scambi e dei broker offrono ai rispettivi clienti. Il broker ha aggiunto che la crescente domanda di criptovaluta tra i suoi clienti è la ragione per cui ha lanciato i suoi servizi di crypto trading.

Il capo del prodotto di OpenSea sfrutta informazioni privilegiate per commerciare gli NFT

OpenSea, il grande mercato degli NFT mondiale, ha confermato che il suo capo prodotto stava usando informazioni privilegiate per commerciare NFT. Nate Chastain, è stato accusato di aver usato portafogli ETH segreti per comprare gli NFT più in vista di OpenSea prima del loro rilascio ufficiale. OpenSea ha implementato alcune politiche che assicurano che una cosa del genere non si ripeta in futuro.

Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.