Home > News > Report settimanale: Stripe mette supporto per criptovalute e NFT, Goldman Sachs offre opzioni cripto bilaterali OTC

Report settimanale: Stripe mette supporto per criptovalute e NFT, Goldman Sachs offre opzioni cripto bilaterali OTC

Ecco i titoli principali dello spazio delle criptovalute che potreste esservi persi questa settimana:

La banca multinazionale Goldman Sachs vuole offrire nuove opzioni cripto OTC

Goldman Sachs è ora tra le diverse banche di Wall Street che cercano di offrire opzioni crittografiche. La banca ha rivelato questa settimana che intende iniziare presto ad avvalersi di opzioni crittografiche bilaterali over-the-counter per i clienti aziendali.

Un recente rapporto di Bloomberg è stata intervistata una fonte che ha spiegato in dettaglio come il gigante bancario americano stia cercando di radicarsi maggiormente nelle criptovalute. Il notiziario ha affermato che l'individuo, che ha preferito rimanere anonimo, ha osservato che Goldman Sachs non è l'unica banca di Wall Street ad esplorare opzioni bilaterali.

Tali opzioni consentono agli investitori di criptovalute di ottenere rendimenti elevati o di coprire i propri rischi tramite operazioni personalizzate. Danno agli investitori la possibilità di vendere e acquistare criptovalute o asset ad un prezzo prestabilito in futuro, tramite opzioni "put" e "call". I contratti di opzione hanno una scadenza entro la quale gli investitori devono decidere se rispettarli.

Gli investitori sono efficacemente protetti dall'esposizione diretta alla volatilità delle criptovalute, ma guadagnano comunque da essa.

Goldman Sachs vuole guidare le banche in questo percorso dominato principalmente dalle società native di crittografia. Galaxy Digital Holdings, GSR, società di trading di criptovalute e market-making, e Genesis Global, prime broker di valute digitali, offrono già un servizio del genere.

Chainalysis presenta strumenti pubblici di screening delle sanzioni

La società di analisi e intelligence blockchain ha presentato due strumenti per aiutare gli utenti e le aziende a controllare facilmente i portafogli cripto per le sanzioni: un oracolo on-chain già disponibile e un'API che dovrebbe essere lanciata ad aprile.

Il primo sarà incentrato sulla DeFi. Gli utenti sarebbero in grado di sfruttarlo per identificare gli indirizzi contrassegnati in una serie di catene di Ethereum Virtual Machine in cui sono disponibili Polygon, Avalanche, Binance Smart Chain, Optimism, Arbitrum, Celo e, naturalmente, Ethereum.

L'API in arrivo il prossimo mese utilizzerà esattamente gli stessi dati dell'oracle on-chain. Tuttavia, sarà disponibile per una gamma più ampia di applicazioni, compresi gli exchange centralizzati e le piattaforme utente mobili.

Chainalysis ha osservato che mentre i prodotti basati sulla decentralizzazione sono in aumento, non tutte le piattaforme decentralizzate hanno sfruttato gli strumenti necessari per gestire efficacemente il rischio delle sanzioni.

La società di analisi blockchain vuole utilizzare i suoi strumenti disponibili gratuitamente per servire exchange decentralizzati, piattaforme DeFi, dApp, DAO e altro ancora. Otterrà questo obiettivo fornendo gli "strumenti leggeri" necessari per eseguire "controlli delle sanzioni di base".

Stripe lancia il supporto per NFT e criptovalute in fiat

Stripe, società di servizi finanziari con sede a Dublino, ha fatto un altro passo avanti nel settore delle criptovalute. Ha dichiarato giovedì che consentirà ai suoi utenti di pagare con criptovalute e NFT utilizzando il suo servizio di pagamento.

La notizia, condivisa dal co-fondatore di Stripe John Collison su Twitter, ha menzionato che diverse parti del settore delle criptovalute ne trarrebbero vantaggio, inclusi i mercati NFT, gli exchange, i portafogli e le rampe. L'API di Stripe consentirebbe loro di "elaborare pagamenti per valute legali a livello globale attraverso un'unica integrazione".

Il servizio di pagamento sarebbe protetto dai requisiti KYC/verifica dell'identità e protetto da misure di rilevamento delle frodi.

Stripe ha anche confermato che sta collaborando con aziende tra cui FTX, FTX.US, Just Mining, Nifty Gateway e Blockchain.com per aiutare a condurre l'iniziativa. Attualmente, il supporto per i servizi cripto di Stripe è disponibile in un numero limitato di giurisdizioni, inclusi Stati Uniti, Regno Unito e UE. Al di fuori di queste aree, solo il Giappone ha accesso, anche se limitato ai soli mercati NFT.

Il gigante dei pagamenti ha anche rilasciato una collezione NFT, Cube Things, che ha debuttato sul mercato Nifty Gateway come parte del lancio. Gli NFT avevano un prezzo compreso tra 242,42$ e 424,24$, con i proventi incanalati all'organizzazione no profit sanitaria Watsi.

Il fondatore di Sandbox Sebastien Borget sostiene un metaverso aperto

Il metaverso è uno degli elementi eccitanti dell'intera idea del Web 3.0, ma il fondatore del gioco del metaverso The Sandbox Sebastien Borget pensa che abbia il potenziale per migliorare ulteriormente. Parlando a CoinTelegraph Brasil, Borget ha affermato che affinché la scena possa davvero passare al livello successivo, deve trasformarsi in un metaverso aperto.

Borget ha osservato che un multiverso interoperabile decentralizzato è essenziale per garantire che gli utenti non siano limitati nel numero di esperienze che possono esplorare. Ha suggerito che un modello evolutivo dei metaversi coinvolgerebbe un'organizzazione autonoma decentralizzata (DAO), gestita tramite il voto.

Ha insistito sul fatto che è necessario allontanarsi dall'attuale "microverso" in cui siamo intrappolati dalla grande tecnologia: il Web 2.0.

Lo sviluppatore ha anche suggerito che l'ambizione di nazioni tra cui Stati Uniti e Cina di sviluppare i propri metaversi non significherebbe in particolare che avrebbero ottenuto il controllo su questa nicchia. Ha spiegato che è così perché l'ampiezza del decentramento della proprietà dei contenuti significherebbe che il controllo non può essere centralizzato.

Borget si aspetta che il metaverso continuerà a crescere verso la distesa dell'immaginazione umana, osservando che sta già cambiando il modo in cui socializziamo e avrà un impatto ancora maggiore nel prossimo decennio.

Tomorrowland spinge "i confini della creatività e dell'innovazione" nella sua ultima partnership con FTX

FTX Europe ha raggiunto un accordo con il famoso festival musicale Tomorrowland per aiutarlo ad avventurarsi ulteriormente negli NFT e nel Web 3.

Tomorrowland vuole sfruttare il meglio della tecnologia blockchain con l'aiuto della sussidiaria FTX. In particolare, il festival di musica dance mira a portare queste nuove esperienze nei suoi prossimi festival, tra cui Tomorrowland Winter, Tomorrowland in Belgio e Tomorrowland Around The World.

I fan di Tomorrowland apprezzeranno le esperienze del metaverso e avranno anche la possibilità di ottenere un oggetto da collezione NFT. Su un totale di 6.500 NFT, 1.500 sarebbero accessibili ai partecipanti di Tomorrowland Winter. Chiamata "The Quest by FTX", l'iniziativa consentirebbe ai possessori di uno di questi NFT di sbloccare uno dei luoghi nascosti in cui si terrà il festival alla fine del mese.

Le cinque località sconosciute si trovano tutte nelle catene montuose dell'Alpe d'Huez, in Francia.

Probabilmente presto gli utenti avranno anche la possibilità di interagire con i loro artisti preferiti attraverso la partecipazione virtuale. Come ha affermato il CEO di FTX Sam Bankman-Fried, Tomorrowland si sforza di offrire "modi divertenti e interattivi per accedere a eventi esclusivi".

Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.