Home > News > Rapporto sostiene che la criminalità cripto ha fatto danni da 14mrd$ nel 2021

Rapporto sostiene che la criminalità cripto ha fatto danni da 14mrd$ nel 2021

I risultati pubblicati da Chainalysis mostrano che attualmente ci sono più di 10 miliardi di dollari di denaro illecito (per lo più rubato) nei portafogli cripto

Un nuovo rapporto della piattaforma di dati blockchain Chainalysis ha rivelato che il crimine che coinvolge le criptovalute lo scorso anno ha raggiunto il massimo storico di 14 miliardi di dollari. Questa cifra è quasi il doppio della somma (7,8 miliardi di dollari) registrata nel 2020.

Questa impennata di fondi persi a causa di attività fraudolente è stata, tuttavia, principalmente attribuita alla crescita dei mercati delle criptovalute. I mercati hanno visto i volumi delle transazioni aumentare di oltre il 550% per raggiungere i 15,8 trilioni di dollari. La somma di 14 miliardi di dollari persi rappresenta solo una semplice cifra dello 0,15% di tutte le transazioni blockchain viste nel 2021.

"Abbiamo avuto un'esplosione nella quantità di attività on-chain (nel 2021). È solo che la quantità dei reati non è cresciuta velocemente come la quantità di casi d'uso legittimi," ha detto Kim Grauer, responsabile della ricerca Chainalysis. 

DeFi presa di mira pesantemente

Il rapporto ha anche scoperto che la cifra si riferiva all'esplosione osservata nella nicchia della finanza decentralizzata lo scorso anno. Grauer ha spiegato che la DeFi è stata particolarmente presa di mira poiché la maggior parte delle sue risorse sono state rese disponibili per l'accesso open-source. Ha anche spiegato che essendo un campo in rapida espansione, la DeFi è stata ampiamente sfruttata dai criminali informatici in quanto qualificata come bersaglio del crimine.

Più specificamente, il rapporto ha osservato che entro la fine dell'anno i protocolli DeFi erano coinvolti in circa due terzi, quindi 2,2 miliardi, di tutte le criptovalute perse per furto l'anno scorso. Questa cifra equivale ad un aumento di oltre il 500% dal 2020.

"I protocolli della piattaforma DeFi vengono violati molto spesso perché è un nuovo settore e gran parte del codice è open-source, quindi le persone possono guardarne il codice e vederne le vulnerabilità", ha affermato Grauer.

Le truffe hanno aperto la strada con perdite per un valore di 7,8 miliardi di dollari, e Chainalysis afferma che circa 3 miliardi di questa cifra sono il risultato di truffe denominate "rug pull". I rug pull rappresentano una tendenza in cui gli sviluppatori creano un progetto cripto apparentemente (ma non) legittimo, solo per poi ritirarsi e scomparire con il denaro, lasciando gli investitori a se stessi.

Il ruolo delle forze dell'ordine

Nell'ultimo anno, l'attività delle forze dell'ordine nella gestione del crimine cripto è aumentata in modo significativo. Si dice che l'IRS Criminal Investigation Unit abbia sequestrato 1 miliardo di dollari in criptovalute associate alla darknet Silk Road. Inoltre, la maggior parte del riscatto della Colonial Pipeline è stata recuperata.

Tuttavia, Grauer ha chiarito che l'aumento dell'attività federale contro la criminalità non significa che le cifre relative alla criminalità siano maggiori quindi le truffe diminuiranno necessariamente. Il motivo è che stanno arrivando diversi progetti ed è impossibile verificarne la legittimità.

"Le persone stanno trattando (investendo) come se fossero ad un tavolo da roulette, e  penso che questo significhi che ci saranno molte opportunità per le persone di essere truffate", ha osservato.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.