Home > News > Rapporto mensile: Dubai attrae i migliori exchange di criptovaluta

Rapporto mensile: Dubai attrae i migliori exchange di criptovaluta

  • Dubai ha recentemente fatto passi da gigante per regolamentare il suo settore delle criptovalute e ora tutti stanno cercando di muoversi in quel mercato
  • Il parlamento dell'UE vota a favore di una proposta che potrebbe incidere sulla privacy in merito ai trasferimenti di risorse digitali
  • Ronin sta lavorando con le autorità per rintracciare un aggressore che è riuscito a farla franca con 625 milioni di dollari in criptovalute a marzo
  • Ethereum è un passo più vicino alla fusione

Dubai corteggia i giganti delle criptovalute perché mira a diventare un hub

Diversi exchange di criptovalute hanno partecipato alla scena cripto di Dubai il mese scorso grazie all'ambiente che il paese ha creato per le criptovalute. La città araba sta guidando la spinta agli Emirati Arabi Uniti per diventare un leader globale nelle risorse digitali.

Lo sceicco Mohammed Bin Rashid, sovrano degli Emirati Arabi Uniti, ha dichiarato il 9 marzo che l'emirato di Dubai ha stabilito il primo quadro normativo del paese per le criptovalute, con il quale è stata costituita la Virtual Asset Regulatory Authority (VARA) per supervisionare e regolare le risorse digitali.

Una settimana dopo, FTX ha annunciato di essere stato il primo ad ottenere una licenza per operare come exchange di criptovalute a Dubai. La licenza consente a FTX Europe, appena lanciata, di offrire esposizione a derivati crittografici agli investitori aziendali.

Più o meno nello stesso periodo, Binance si è assicurato una licenza per operare a Dubai. La piattaforma ha ottenuto l'approvazione per offrire prodotti di scambio specifici agli investitori professionali poiché ora opera nelle prime fasi della regolamentazione.

Il cast netto di Dubai ha catturato altri due exchange prima della fine del mese. Crypto.com ha annunciato che avrebbe istituito un hub regionale a Dubai e Bybit ha rivelato che avrebbe spostato la sua sede lì da Singapore.

Il parlamento scettico dell'Unione Europea vota a favore della menomazione della privacy delle criptovalute

A seguito di una votazione del 31 marzo, il parlamento dell'Unione europea ha approvato una proposta che mira a requisiti più rigorosi know-your-customer (KYC) e norme antiriciclaggio. La proposta di modifica della regola distruggerebbe la privacy delle criptovalute come parte di un emendamento che vuole regolare il trasferimento di fondi.

Le nuove disposizioni richiederanno che le entità che offrono prodotti crittografici (principalmente scambi) segnalino tutte le transazioni di valore superiore a 1000 EUR alle autorità competenti. Questi fornitori di servizi devono anche verificare l'identità della figura dietro ogni portafoglio unhosted che entra in contatto con loro.

Questi requisiti non sono ancora definitivi in quanto devono sopravvivere ad una discussione tra la Commissione Europea, il Consiglio Europeo e il Parlamento Europeo. La loro adozione significherebbe che gli exchange hanno da nove mesi ad un anno e mezzo per garantire la piena conformità.

La comunità delle criptovalute non è d'accordo con queste dure linee guida e si sta già ribellando. Il CEO di Coinbase, Brian Armstrong, ha criticato la mossa dicendo che sfida l'ambizione dell'UE di diventare un "leader globale nella legislazione e nella politica sulla privacy". Anche il CEO di Ledger, Pascal Gaunthier, ha criticato l'azione aggiungendo che si tratta di un'approvazione per la sorveglianza massiccia poiché l'UE ha scelto la via della paura rispetto a quella della libertà.

La blockchain di Ronin ha subito un furto di 625 milioni di dollari

Il mese scorso, il protocollo multi-chain Deus Finance DAO ha subito un hack che ha visto la piattaforma DeFi perdere asset per un valore di circa 3 milioni di dollari. Secondo una serie di tweet pubblicati dalla società di analisi crittografica PeckShield, l'attaccante aveva preso di mira e manipolato un oracolo sui prezzi dei prestiti flash, rendendo così insolventi le posizioni di prestito di alcuni utenti.

Dopo aver saldato i prestiti, l'hacker ha sottratto a DEI un valore di circa 3 milioni, che ha poi gestito tramite Tornado Cash. Sebbene Deus Finance inizialmente abbia minimizzato l'incidente, ha promesso di ripagare gli utenti interessati.

In un altro incidente separato, una dichiarazione del 29 marzo di Ronin Network di Sky Mavis ha confermato che la blockchain aveva subito un exploit per 173.600 Ether e 25,5$ milioni della stablecoin USDC con ancoraggio in USD. Il criminale è riuscito ad ottenere il controllo di cinque dei nove validatori di Ronin, che è il numero di validatori necessari per verificare prelievi e depositi.

Per quanto l'hacker inizialmente abbia giocato a basso non spostando i fondi, il Ronin Network ha affermato che sta lavorando con professionisti della sicurezza e autorità governative per rintracciare l'hacker.

Il denaro degli investitori è fluito e lo sviluppatore BAYC Yuga Labs ne è un enorme beneficiario

Composable Finance la scorsa settimana ha dichiarato di aver completato il suo round di finanziamento di serie A, per un valore di oltre 32 milioni di dollari. Hanno partecipato diversi investitori tra cui Coinbase Ventures, Jump Capital, Ignite, NGC Ventures, Yunt Capital e Fundamental Labs.

L'azienda, che offre una piattaforma multistrato a catena incrociata per Ethereum e altri L1, ha affermato che la nuova iniezione di capitale andrà ad espandere il suo team e creare prodotti che parlano di interoperabilità in Web3 e nello spazio blockchain.

Cross River Bank ha anche rivelato un massiccio aumento di 620 milioni di dollari capitanato da a16z ed Eldridge. La Banca prevede di espandere la sua gamma di prodotti crittografici e di continuare con i suoi piani di espansione. In un altro aumento, la piattaforma di custodia di asset digitali con sede in Asia Hex Trust ha confermato di aver ottenuto 88 milioni di dollari in un round di finanziamento di serie B.

In tutto lo spazio NFT, il creatore del Bored Ape Yacht Club, Yuga Labs, è stato colui che ha avuto l'aumento più notevole. L'azienda ha annunciato il 22 marzo di aver completato un round di finanziamento iniziale di 450 milioni di dollari con una valutazione di 4 miliardi con la partecipazione di leader del settore, tra cui FTX e MoonPay. Oltre ad espandere il suo team, Yuga Labs intende dedicare alcuni fondi al suo prossimo metaverso Otherside.

Polygon lancia una soluzione di identità digitale mentre Ethereum si avvicina all'unione

Polygon sta guidando la questione sulla privacy nella prossima iterazione di Internet e, in linea con ciò, ha recentemente annunciato una nuova soluzione incentrata sulla privacy dell'identità digitale. La rete ha annunciato Polygon ID basato sull'infrastruttura del protocollo zk il 29 marzo.

La nuova soluzione open source consentirebbe agli utenti di verificare le identità come richiesto dalle regole KYC senza inviare informazioni personali, come richiesto nel processo di verifica "tradizionale". Il prodotto è impostato per una versione completa nel terzo trimestre e promette la massima privacy dell'utente.

Anche lo strato di base, Ethereum, si sta muovendo verso l'efficienza dopo aver completato il testnet a metà mese, un'importante pietra miliare verso la fusione. Salvo un bug minore, il testnet ha avuto un grande successo e la rete potrebbe produrre blocchi post-unione con le transazioni.

L'attesissimo Merge è il processo di integrazione della mainnet di Ethereum con la PoS Beacon Chain. Ciò dovrebbe ridurre il consumo energetico della rete di oltre il 99,98%.

Infine, l'exchange di criptovalute Binance ha annunciato il lancio di Binance Bridge 2.0, che consente l'integrazione con CeFi e DeFi. Il nuovo strumento consentirebbe agli utenti di collegare le risorse da qualsiasi blockchain alla catena BNB, aumentando così l'accessibilità della DeFi.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.