Home > News > Parlamento Ue voterà su una proposta per un nuovo portafoglio

Parlamento Ue voterà su una proposta per un nuovo portafoglio

  • Il prossimo voto avverrà dopo la bocciatura di una proposta per limitare le criptovalute proof-of-work
  • L'ultima revisione, tra le altre modifiche, cerca di gestire rigorosamente i trasferimenti di criptovalute che coinvolgono portafogli self-hosted

Dopo la bocciatura della scorsa settimana di una proposta (nel disegno di legge Markets In Crypto Assets) che mira a limitare il mining Proof of Work (PoW), è stato presentato un nuovo rapporto dell'UE incentrato sui trasferimenti di criptovalute.

In un thread su Twitter di sabato, Patrick Hansen di Unstoppable Finance ha condiviso che la commissione per gli affari economici e monetari del Parlamento europeo terrà una votazione contro i portafogli "non ospitati".

Hansen, che in precedenza aveva riportato la proposta rifiutata del MiCA, ha dichiarato che la proposta avrebbe come scopo la repressione di questi portafogli. Ha aggiunto che la bozza del pezzo contiene "campanelli d'allarme assoluti" che ha poi elencato.

Il primo è una nuova proposta che richiede exchange e altre piattaforme crittografiche per registrare e verificare le informazioni dei portafogli non ospitati.

"Diversamente dalla proposta iniziale […] la bozza ora richiede di 'verificare l'accuratezza delle informazioni rispetto all'originator o al beneficiario dietro il portafoglio unhosted' ma non dice esattamente come un fornitore di servizi crittografici dovrebbe essere in grado di verificare il controparte non ospitata", ha osservato Hansen.

Intrusione di privacy

Hansen ha anche parlato di un'altra proposta che incaricherà le società di segnalare alle autorità antiriciclaggio transazioni superiori a 1.000 EUR anche se non sono contrassegnate come insolite o associate all'antiriciclaggio. Questo, lo ha definito "una violazione assoluta dei diritti alla privacy".

Ha evidenziato un terzo "campanello d'allarme" in una clausola in cui si afferma: "La Commissione dovrebbe (12 mesi dopo l'entrata in vigore) valutare la necessità di ulteriori misure specifiche per mitigare i rischi posti dai trasferimenti da o verso portafogli non ospitati, compresa l'introduzione di possibili restrizione."

Un quarto elemento che ha contestato è una clausola che richiede la condivisione di informazioni personali per qualsiasi somma di transazioni crittografiche che non siano puramente P2P.

"Sebbene la regola di viaggio del GAFI richieda queste misure solo per transazioni superiori a un determinato importo (1k$) e il TFR per fiat (bonifici, ecc.) richieda solo la condivisione delle informazioni per i trasferimenti superiori a 1kEUR, la bozza non fissa una soglia minima per i trasferimenti di criptovalute", ha scritto Hansen.

Gli exchange subiranno un duro colpo se la proposta verrà adottata

Paul Grewal, chief legal officer di Coinbase, attraverso un post sul blog, ha implorato gli utenti di "far sentire la propria voce" opponendosi. Grewal ha specificamente avvertito che, se approvata, " scaterebbe un intero regime di sorveglianza su piattaforme come Coinbase, soffocherebbe l'innovazione e minerebbe i portafogli self-hosted che le persone utilizzano per proteggere in modo sicuro le proprie risorse digitali".

La commissione per i problemi economici e monetari dell'UE dovrebbe votare sulla bozza di proposta già giovedì.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.