Home > News > OTR offrirà l’opzione di pagamento crittografico fornita da Crypto.com

OTR offrirà l’opzione di pagamento crittografico fornita da Crypto.com

  • OTR collaborerà con l'elaboratore dei pagamenti DataMesh per implementare i terminali del punto vendita per la nuova opzione
  • La catena di minimarket accetterà criptovalute in 170 dei suoi punti vendita

Il colosso del minimarket australiano On The Run (OTR) ha annunciato l'intenzione di offrire ai clienti un'opzione per completare i pagamenti di beni e servizi utilizzando più di 30 criptovalute.

L'iniziativa prenderà vita grazie alla collaborazione con l'exchange di criptovalute e asset digitali Crypto.com con sede a Singapore. La piattaforma consentirà a OTR di integrare il livello Pay Merchant che consente ai commercianti di regolare le transazioni crittografiche.

Con questo servizio, che dovrebbe diventare attivo a partire da luglio, la catena offrirà l'opzione in 170 dei suoi punti vendita negli stati del South Australia e del Victoria. La piattaforma di servizi di pagamento con sede a Sydney DataMesh farà il suo debutto con i terminali point-of-sale necessari per consentire ai consumatori di pagare beni e servizi utilizzando le risorse contenute nei loro portafogli Crypto.com.

Peregrine Corporation, una delle più grandi aziende familiari che operano nell'Australia meridionale, è la società madre di OTR e i negozi di cui si compone includono Subway, Smokemart e Oporto. Consentendo agli australiani di spendere le loro criptovalute per spuntini, generi alimentari e persino gas, l'azienda è in linea con la maggiore ondata di criptovalute sperimentata in Australia negli ultimi mesi.

"La crescita e l'accettazione mainstream dell'adozione della criptovaluta in Australia e nel resto del mondo è stata fenomenale e ci ha offerto una chiara opportunità di sfruttare lo slancio di questo spazio in rapida crescita a beneficio dei nostri clienti", Yasser Shahin, ha detto il presidente esecutivo di Peregrine.

L'aumento dei pagamenti crittografici

Il potenziale per l'adozione di risorse crittografiche come modulo per completare i pagamenti è diffuso ed è solo questione di tempo prima che esploda.

Secondo un rapporto pubblicato da Crypto.com a febbraio, mentre solo il 4% di Worldpay dei commercianti FIS accetta le criptovalute come mezzo di pagamento, il 60% ha intenzione di integrare le opzioni di pagamento per la classe di asset nel giro di un anno.

Condotto nel quarto trimestre dello scorso anno, il sondaggio ha anche rilevato che il 36% dei commercianti vorrebbe saldare i pagamenti in criptovalute anziché con le attuali valute fiat.

Anche l'interesse non è unilaterale, poiché l'exchange ha scoperto che il 60% dei suoi clienti vorrebbe acquistare beni e servizi utilizzando le criptovalute entro il suddetto tempo. Al momento, solo il 40% dei suoi clienti regola le transazioni utilizzando le criptovalute.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.