Home > News > La Thailandia lancia il token TAT per migliorare l’industria del turismo

La Thailandia lancia il token TAT per migliorare l’industria del turismo

Il governatore del TAT afferma che il nuovo token promuoverà l'alfabetizzazione digitale tra gli operatori turistici per consentire il criptoturismo in Thailandia

Nel tentativo di capitalizzare la crescente popolarità delle criptovalute, la Tourism Authority of Thailand (TAT) ha deciso di lanciare un token di utilità soprannominato TAT per consentire il trasferimento dei voucher in token digitali e fornire agli operatori un maggiore livello di liquidità. L'iniziativa è l'ultima di una lunga lista di paesi che cercano di adottare le criptovalute per promuovere la crescita economica in un mondo post-pandemia.

Le autorità prevedono che il token sarà dotato dei vantaggi offerti dalle criptovalute e fornirà un mezzo di trasferimento di valore senza i rischi di un asset speculativo. Sono attualmente in conversazione con la Borsa della Thailandia in merito alla questione, secondo quanto riportato dal giornale locale The Bangkok Post.

Tuttavia, anche dopo aver preso la decisione iniziale su un approccio, TAT deve navigare tra i requisiti normativi e le complesse leggi cripto della Thailandia prima di essere lanciata.

Evidenziando il potenziale di tecnologie come le criptovalute, Yuthasak Supasorn, il governatore dell'Autorità per il turismo della Thailandia, ha affermato che l'introduzione del token TAT incoraggerà i detentori di criptovalute e aumenterà la competitività dell'industria turistica thailandese.

Ha aggiunto che l'obiettivo a lungo termine della moneta è quello di collaborare con il popolare exchange di criptovalute locale Bitkub e sviluppare una piattaforma per i turisti che includa il token TAT. L'autorità sta anche valutando la possibilità di concentrarsi sui token non fungibili (NFT) tramite tale piattaforma per generare domanda dal mercato delle criptovalute.

"Dobbiamo preparare l'infrastruttura digitale e l'alfabetizzazione digitale per i nostri operatori turistici al fine di avviare il criptoturismo poiché il modello di business tradizionale potrebbe non essere in grado di tenere il passo con i nuovi cambiamenti", ha affermato il governatore.

Si prevede che la mossa attirerà turisti da paesi con fiorenti mercati di criptovalute tra cui Stati Uniti, Cina, Giappone, Corea del Sud ed Europa. Con il mercato globale delle criptovalute che supera il triplo del PIL della Thailandia, non sorprende che il TAT scelga di aumentare il criptoturismo per stimolare la crescita della sua industria turistica colpita dalla pandemia.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.