Home > News > La società sudcoreana LG integrerà la funzione NFT nei televisori top di gamma

La società sudcoreana LG integrerà la funzione NFT nei televisori top di gamma

Gli investitori hanno sollevato domande ed espresso preoccupazioni sulla fattibilità di condurre operazioni NFT sui televisori

Un giorno dopo che Samsung ha rivelato l'intenzione di introdurre una nuova funzionalità NFT nella sua linea principale di televisori quest'anno, anche LG ha annunciato un'impresa simile. La società di elettronica con sede in Corea del Sud ha tenuto una conferenza stampa nella quale il capo della divisione aziendale per l'intrattenimento domestico Park Hyung-se ha affermato che LG "sicuramente" intende introdurre la funzionalità NFT nei suoi televisori. Inoltre, ha affermato che i recenti televisori a diodi organici a emissione di luce dell'azienda sono ottimizzati per la visualizzazione di opere d'arte.

La decisione dell'avventurarsi in NFT è solo una continuazione di ciò che lo spazio di mercato ha visto l'anno scorso. Gli utenti si sono scaldati all'idea di consentire la visualizzazione di opere d'arte sugli schermi TV, ma non tanto sul commercio in TV. Dato che così com'è navigare in TV non è un compito particolarmente facile, gli investitori di criptovalute trovano l'idea poco pratica.

“Non capisco il valore di avere una piattaforma di trading NFT sul mio televisore. Visto che è ancora complicato navigare in Internet su quella che viene definita una smart tv, non credo che acquistare NFT dalla televisione sarà un'esperienza piacevole", ha detto a Forkast Chung Seung-mo, un investitore in criptovalute sudcoreano.

Anche la società di credito globale Shinhan Card si è unita alle due società sudcoreane nel lancio di servizi a supporto degli sforzi NFT. Shinhan Card di recente ha avviato un servizio NFT sulla sua applicazione Play. Il servizio "My NFT" consentirebbe agli utenti di coniare i propri NFT di eventi o oggetti personali. L'iniziativa collaborerebbe con la società blockchain Odyssey e, c'è da notare che l'app pLay non supporterà gli utenti nello scambio di NFT.

Quentin Tarantino continuerà con i piani NFT nonostante la causa Miramax

Quentin Tarantino ha confermato ieri che ha intenzione di procedere con la sua idea di vendere NFT basati sulla sua sceneggiatura creativa dietro il film di successo Pulp Fiction. La Miramax, la società che ha distribuito il film, ha intentato una causa contro il famoso regista il 16 novembre con l'accusa di violazione del contratto. Tarantino, tramite il suo avvocato, sostiene di essere innocente.

"Il contratto di Quentin Tarantino è chiaro: ha il diritto di vendere NFT della sua sceneggiatura scritta a mano per Pulp Fiction, e questo maldestro tentativo di impedirglielo fallirà", ha detto martedì a Blockworks il suo avvocato Brian Freedman.

I sette NFT unici sarebbero stati messi all'asta tra il 17 e il 31 gennaio di quest'anno e sarebbero in collaborazione con la società blockchain Secret Network. Gli NFT consistono in singole scene memorabili con il commento di Tarantino.

Secret Network è orgoglioso di supportare Quentin. Ci impegniamo a lavorare con artisti di talento in tutto il mondo fornendo loro un modo migliore per pubblicare le loro opere direttamente ai fan senza fare affidamento su modelli di distribuzione precedenti, che favoriscono i conglomerati rispetto ai creatori", ha affermato Guy Zyskind, fondatore di SCRT Labs.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.