Home > News > La Cina cerca di adottare un modello senza criptovalute nel suo settore NFT

La Cina cerca di adottare un modello senza criptovalute nel suo settore NFT

Il paese asiatico modellerà la sua industria NFT attorno alla Blockchain Services Network

La Cina sta fissando confini che definirebbero la portata del settore in forte espansione del NFT nel paese. Nonostante in precedenza abbia dichiarato un giro di vite sulle criptovalute (utilizzate principalmente nelle transazioni NFT), il governo cinese non intende essere escluso dalla nuova ondata di oggetti da collezione.

Il South China Morning Post ha riferito mercoledì che la Blockchain-based Service Network (BSN) supportata dal governo distribuirà entro la fine del mese un'infrastruttura per supportare gli NFT. La tecnologia fornirà interfacce di programmazione delle applicazioni ad aziende e privati per sviluppare app e moduli utente per gestire i propri NFT.

Il progetto, denominato anche BSN-Distributed Digital Certificate (BSN-DDC), mira a stabilire NFT non crittografiche. La moneta fiat (lo yuan cinese) sarebbe l'unico metodo di pagamento accettato in questo sistema NFT.

Il governo è d'accordo con gli NFT ma non con le criptovalute

He Yifan, CEO di Red Date Technology la società di supporto tecnico per BSN, ha insistito sul fatto che gli NFT sono risorse legali in Cina fintanto che non sono associati alle criptovalute.

"I token non fungibili non hanno problemi legali in Cina, purché non abbiano nulla a che fare con le criptovalute. Gli NFT in Cina vedranno la produzione annuale di miliardi in futuro", ha affermato Yifan.

Ha inoltre osservato che mentre gli NFT sono idealmente ospitati su blockchain pubbliche decentralizzate, queste catene pubbliche sono illegali nel paese asiatico. Ha insistito sul fatto che senza un'adeguata infrastruttura di rete (affidabile e poco costosa), la distribuzione NFT verrebbe limitata solo alle blockchain private "inaffidabili".

Yifan ha affermato che la sua azienda ha cercato una soluzione in una nuova struttura nota come "blockchain con autorizzazione aperta". Questa versione adattata consentirà ad un'entità centralizzata di gestire l'infrastruttura e di avere il potere di intervenire in caso di attività illegali. Bloccherebbe anche qualsiasi associazione tra l'industria NFT e le criptovalute.

Il dirigente ha anche spiegato che il BSN-DDC ha compatibilità cross-chain, una caratteristica che lo distingue dalle piattaforme solitarie. Ha sottolineato che la rete offre commissioni di transazione molto più economiche, a partire da 0,05 yuan. Il capo della Red Date Tech prevede che il progetto registrerà profitto se dovesse generare 10 milioni di NFT quest'anno.

L'infrastruttura BSN è stata lanciata nel 2018 e da allora ha localizzato almeno 20 blockchain pubbliche. Yifan ha inoltre affermato che il BSN-DDC prevede di incorporare dieci catene, inclusi gli adattamenti di Corda ed Ethereum.

Questa tecnologia sembra essere destinata a diventare un disgregatore del settore poiché ha visto più di 20 partner, tra cui Cosmos, una rete Internet di blockchain.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.