Home > News > La Banca del Messico emetterà una valuta digitale entro il 2024

La Banca del Messico emetterà una valuta digitale entro il 2024

La valuta digitale sovrana non si sostituirà ma coesisterà con la valuta messicana

Mercoledì sera, il governo del Messico ha condiviso su Twitter che la Banca del Messico sta cercando di lanciare una valuta digitale entro i prossimi tre anni. Il governo considera le valute digitali importanti per far avanzare la posizione finanziaria della nazione, secondo quello che si evince dal post condiviso.

"Il Banxico riferisce che entro il 2024 avrà una propria valuta digitale in circolazione, considerando che queste nuove tecnologie e l'infrastruttura di pagamento di prossima generazione sono  importanti come opzioni di grande valore per promuovere l'inclusione finanziaria nel Paese", si legge nel tweet tradotto.

La notizia arriva non molto tempo dopo che il vice governatore della Banca del Messico Jonathan Heath ha rivelato che la banca stava prendendo in considerazione l'opzione. In una conferenza virtuale ospitata da S&P martedì, Heath ha osservato che la banca centrale aveva una tabella di marcia che intendeva seguire e prevedeva di far circolare la valuta senza intoppi entro la fine del 2024. Il funzionario della banca ha osservato che il Messico non voleva ritardi nell'adozione della valuta virtuale.

"Stiamo lavorando a un progetto, abbiamo persino una cronologia in cui pensiamo che forse entro la fine del 2024 al più tardi, dovremmo riuscire a farlo funzionare perfettamente", ha rivelato Heath.

Non sostituirà i contanti

Non ci sono stati molti discorsi sulle specifiche della valuta digitale, ma è lecito presumere che verrà collegata al valore del peso, la valuta tradizionale del paese. Heath aveva precedentemente notato che la valuta digitale non avrebbe sostituito la valuta tradizionale al momento del suo lancio. Ha spiegato che il Messico non è ancora economicamente avanzato e, in quanto tale, non sarà possibile che la CBDC (valuta digitale della banca centrale) prenda il posto del denaro contante.

Ha aggiunto che il paese ha una scarsa inclusione finanziaria, con solo una piccola frazione della popolazione che ha i mezzi per sfruttare le banche tradizionali.

"Avremo l'uso della carta moneta come pagamento predominante a livello nazionale per molto tempo, ma non vogliamo essere assenti da questi progressi tecnologici", ha affermato.

Questa non è la prima volta che la banca lascia intendere che sia in arrivo un CBDC. All'inizio di questo mese, la neo nominata governatrice della banca, Victoria Rodriguez Ceja, ha rivelato che le autorità finanziarie stavano valutando l'idea di lanciare una valuta digitale.

"Le autorità a livello internazionale, visto l'interesse che questi asset virtuali e le loro evoluzioni hanno suscitato, hanno riconosciuto la necessità e la potenzialità di estendere le funzionalità della moneta a corso legale attraverso la potenziale implementazione di valute digitali emesse dalla Banca Centrale", ha affermato al tempo.

Più paesi stanno adottando CBDC

  • Il paese nordamericano si unisce alla Nigeria (Africa), alla Svezia (Europa) e alla Cina (Asia), che stanno anche cercando di implementare le rispettive valute digitali. Si dice che anche altri paesi dell'America Latina come Perù e Brasile siano in procinto di elaborare le loro valute digitali. Anche Regno Unito, Stati Uniti, Cile e India stanno rivedendo l'opzione, sebbene in fasi diverse.

Le recenti dichiarazioni di Heath e Rodriguez Ceja sono in netto contrasto con una dichiarazione di ottobre del presidente Andrés Obrador. Parlando poi del sistema finanziario e delle priorità del suo governo, il presidente messicano ha suggerito che il Paese non adotterà politiche e tecnologie non ortodosse. Obrador ha aggiunto che il suo governo ha dato la priorità alla riscossione delle tasse e alla riduzione dell'evasione fiscale.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.