Home > News > Intervista al CEO di CoinSmart: Frode in Crypto

Intervista al CEO di CoinSmart: Frode in Crypto

Ci sono molte festività strane nel calendario. La mia preferita è il giornon nazionale del Burro di arachidi e della Marmellata, celebrato ogni anno il 2 aprile. Cade il giorno dopo il pesce d'aprile, che, senza suonare troppo infelice, non mi ha mai veramente fatto impazzire. Una festa che è tutt'altro che uno scherzo, tuttavia, è il 9 maggio, la giornata dei calzini spaiati, un momento per "onorare tutti i calzini che non sono più con noi".

Il motivo per cui discuto di feste così stravaganti è che sono stato sorpreso di notare che marzo rappresenta il mese della prevenzione delle frodi in Canada. Dopo averlo visto, inizialmente, ho pensato che fosse un po' esagerato. Quindi, ho pensato al danno che la frode può causare e ho esaminato i numeri. Sulla base del Canadian Anti-Fraud Center (CAFC), nel solo Canada sono stati persi 379 milioni di dollari a causa di truffe e frodi (in aumento del 130% rispetto al 2020).

Naturalmente, la criptovaluta è spesso criticata per il suo essere terra di nessuno, che facilita il raggiro dei consumatori. Mentre la sicurezza nello spazio sta migliorando, non c'è modo di aggirare il fatto che è ancora necessario essere estremamente prudenti: la CNBC ha riferito a gennaio che i truffatori sono riusciti a guadagnare la colossale cifra di 14 miliardi nel 2021. Quindi, nonostante il miglioramento della sicurezza, ciò rappresenta ancora un aumento del 516% rispetto al 2020 (dovuto in gran parte alla crescita delle dimensioni dello spazio, in particolare DeFi).

Per conoscere le opinioni di un insider sulla frode nelle criptovalute, abbiamo incontrato Justin Hartzman, CEO di CoinSmart, l'exchange di criptovalute con sede a Toronto e una delle poche piattaforme di trading completamente regolamentate in Canada. Fondata di recente nel 2018, Coinsmart è cresciuta rapidamente e, dal quarto trimestre dello scorso anno, è una società quotata in borsa. Dato che sono nati nello stesso momento in cui le criptovalute hanno fatto breccia nella coscienza mainstream, sono in una posizione unica per parlare del flagello che è la frode nelle criptovalute.

Cointext: Coinsmart si attiene alle monete con capitalizzazione di mercato più grandi, tuttavia ci sono alcuni exchange che elencano una selezione molto più ampia, alcuni dei quali si rivelano truffe. Pensa che questi scambi dovrebbero fare di più per controllare le monete prima di metterle in vendita, o spetta al singolo investitore farlo?

Justin Hartzman: Assolutamente, se ti occupi di fornire una piattaforma di trading per criptovalute, devi fare un ampio KYP (conosci il tuo prodotto). Alcuni dei più grandi exchange non fanno un lavoro abbastanza buono in questo, esponendo i propri utenti a progetti che sono truffe o semplicemente investimenti terribili. Noi cerchiamo di elencare solo monete che sono progetti legittimi con casi d'uso reali, team dedicati e liquidità elevata.

CT:   I team anonimi sono ovviamente abbastanza comuni nelle criptovalute. Questo vi preoccupa dal punto di vista degli investimenti, per quanto riguarda un'elevata possibilità di truffe?

JH: I team anonimi sono in definitiva parte integrante del settore delle criptovalute. Ovviamente c'è un rischio aggiuntivo nell'investire in progetti senza un team identificabile, ma allo stesso modo, molti progetti sono stati truffati in passato o hanno perso il 99% del loro valore, mentre il loro team è stato doxxato. Come per qualsiasi cosa nello spazio crittografico, sono necessarie ricerche approfondite prima di investire in un determinato progetto. Vale anche la pena ricordare che gli sviluppatori anonimi hanno ancora una reputazione e quindi parte della ricerca di un investitore dovrebbe sempre consistere nel controllare a fondo il team di un progetto, essere consapevole dei progetti precedenti di cui ha fatto parte e se hanno avuto successo.

CT: Consiglierebbe alle persone di prelevare i propri fondi dagli exchange e di conservarli in cold wallet per sicurezza?

JH: Chiunque sia un investitore a lungo termine in risorse digitali dovrebbe fare le ricerche richieste e prendere in custodia le proprie monete. Tenere le monete in un exchange comporterà sempre una parvenza di rischio e, sebbene tale rischio sia mitigato dall'utilizzo di scambi che hanno un solido track record di sicurezza, c'è sempre una possibilità diversa da zero di un potenziale hackeraggio. Il modo più sicuro per conservare le risorse digitali sarà sempre in un portafoglio freddo.

CT:   Pensa che le truffe ricevano troppa pubblicità nelle criptovalute o che non siano così diffuse come molte persone fanno credere? Quanto pensa che le truffe siano dannose per la reputazione del settore delle criptovalute?

JH: Le truffe nel settore delle criptovalute ottengono sicuramente molta pubblicità e questo, ovviamente, può essere dannoso per la reputazione del settore in quanto purtroppo sono piuttosto diffuse. La natura decentralizzata della criptovaluta rende particolarmente facile l'esecuzione di una truffa. Tuttavia, sono anche abbastanza facilmente identificabili, quindi spetta all'investitore fare la ricerca adeguata per evitare questi progetti. Le truffe, ovviamente, si verificano in quasi tutti i settori dell'economia, ma senza la stessa pubblicità che ottengono le truffe crittografiche. Finché ci sono soldi o capitali coinvolti, ci sarà sempre un rischio.

CT: Cosa direbbe agli investitori inesperti che sono riluttanti ad iniziare ad investire nello spazio crittografico per paura di essere ingannati? È necessario essere esperti di tecnologia per stare al sicuro nello spazio?

JH: Non investire al di fuori delle prime 10 monete. In effetti, se non conosci le risorse digitali e sei sopraffatto dalle scelte offerte, dovresti restare solo con Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH). Entrambe queste monete sono sopravvissute a più cicli crittografici, esistono da anni e sono, senza ombra di dubbio, *non* truffe. Gli investitori hanno problemi con le truffe quando decidono di iniziare a investire in monete a bassa capitalizzazione senza cronologia dei prezzi, nessun caso d'uso e nessun team dedicato con un track record di successo. Attenersi alle blue chips e andrà tutto bene.

CT:   Avrebbe qualche consiglio per evitare gli hack? La semplice 2FA è sufficiente?

JH: Il modo migliore per evitare gli hack è prendere in custodia le proprie monete in un portafoglio freddo. Se questo è qualcosa che un investitore ritiene troppo tecnico, allora dovrebbe mantenere le monete su un exchange molto affidabile con una solida storia di sicurezza, con funzionalità di sicurezza come 2FA (Google non SMS), conferme e-mail, ecc.

CT:   Darebbe qualche consiglio su come identificare le criptovalute che si rivelano essere monete truffa?

JH: Ciò che rende tutto questo difficile è il fatto che molti progetti di criptovalute non iniziano come truffe, ma si trasformano in quanto la roadmap originale del progetto non si concretizza. I membri del team abbandonano i loro progetti, incassano le loro riserve, facendo precipitare il prezzo e lasciando gli investitori senza nulla. Il modo migliore per evitarlo è evitare le monete al di fuori dei primi 10-20, almeno fino al momento in cui un investitore può identificare meglio i progetti buoni rispetto a quelli cattivi.

Come regola pratica però: evita le monete meme. Evita le monete a bassa capitalizzazione. Ricerca il caso d'uso di un progetto. Cerca sempre il team – Qual è il suo track record? Dove ha lavorato in precedenza? Se i membri sono anonimi, i loro progetti precedenti hanno avuto successo? Esaminare sempre la tokenomica prima di investire (qual è il tasso di emissione, quanta parte della fornitura totale possiede il team, quanto è di proprietà di VC, quando termina il vesting team + VC) – se un progetto ha la maggior parte dei suoi token dedicati a il team e gli investitori privati, con un periodo di vesting molto breve, questo comporterà una persistente pressione di vendita e sarà quindi un cattivo investimento. E se sembra troppo bello per essere vero, lo è sicuramente.

CT:   Esiste un ricorso o un quadro legale per coloro che vengono truffati?

JH: Dipende dal tipo di truffa, ma per la maggior parte c'è ben poco da fare data la natura decentralizzata delle criptovalute. Una volta che hai inviato denaro ad un truffatore, è molto probabile che il denaro sia andato, il che significa che è imperativo fare sempre ricerche approfondite su qualsiasi progetto prima di inviare fondi a un indirizzo.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.