Home > News > Indagine globale 2021 di Deloitte sulla blockchain: le valute digitali sono alternative valide alle fiat

Indagine globale 2021 di Deloitte sulla blockchain: le valute digitali sono alternative valide alle fiat

Prima del COVID, la criptovaluta era ancora una merce relativamente sconosciuta nei circoli tradizionali e nei consumatori medi. A due anni dall'inizio della pandemia (o post-pandemia, possiamo dire?), le cose sono cambiate completamente.

Il sondaggio globale sulla blockchain di Deloitte del 2021 evidenzia l'entità dell'emergere delle criptovalute e questo sondaggio è stato condotto solo un anno dopo la pandemia, a marzo/aprile 2021.

[inv-florish id=”9008449″]

Nota: i "Pionieri FSI" sono intervistati le cui organizzazioni hanno già implementato attività blockchain nella produzione e/o integrato risorse digitali nelle loro attività principali

Sorprendentemente, il 76% degli intervistati ritiene che "le risorse digitali serviranno come valida alternativa o come sostituto totale delle valute legali nei prossimi 5-10 anni". È un numero piuttosto sbalorditivo e che ci ha davvero sorpreso, anche da appassionati di criptovalute.

Diffusione geografica

Il sondaggio di Deloitte è stato condotto in 10 diversi paesi in tutto il mondo, con un totale di 1.280 intervistati.

[inv-florish id=”9008670″]

La statistica più ovvia che salta all'occhio è che la maggior parte degli intervistati proviene da paesi del primo mondo. Ciò è degno di nota perché si dice spesso che Bitcoin, e le criptovalute in generale, abbiano ulteriori implicazioni per le nazioni in via di sviluppo con valute deboli. I fautori sostengono il suo potenziale per offrire una via di fuga per i cittadini di valute in fallimento, come si è visto, ad esempio, in Venezuela.

Dopotutto, i maggiori adottanti su base pro capite sono i nigeriani. Di recente abbiamo anche visto un aumento del volume delle criptovalute russe quando il rublo è crollato e Bitcoin ha raggiunto il massimo storico della valuta. Per la maggior parte degli intervistati qui, questi fattori macro non sono un problema. Questi partecipanti al sondaggio sembrano concentrarsi esclusivamente sulle ramificazioni immediate per le loro attività e settori, e quasi tutti sono anche concentrati nei principali centri finanziari.

Ramificazioni della crescita delle criptovalute

Nel caso in cui le valute digitali superino la valuta fiat nei prossimi 10 anni, sarebbe difficile credere che la capitalizzazione di mercato di Bitcoin rimarrà all'attuale livello di 772 miliardi di dollari (pari a 40.600 dollari per bitcoin); sicuramente in tal caso, sarebbe più vicino alla riserva di valore che è la capitalizzazione di mercato dell'oro che si attesta a 12,7 trilioni (equivalenti a oltre 600.000$ per bitcoin).

Una vera alternativa o sostituzione alla fiat comporterebbe ampie ramificazioni; questo trasformerebbe la politica estera e il mercato FX. Cosa accadrebbe se scoppiasse un'altra guerra simile a quella Russia/Ucraina? Con le criptovalute come valida alternativa, il mondo potrebbe ancora sfruttare le sanzioni economiche per frenare lo sforzo bellico? Quante aziende diventeranno full-Tesla e manterranno Bitcoin nei loro bilanci? Quanti fondi sovrani seguiranno l'esempio di El Salvador?

Gli intervistati avevano "almeno una conoscenza generale di blockchain, criptovalute e risorse digitali". Quindi, dato che così tanti nel mondo reale non possiedono ancora nemmeno una vaga conoscenza delle complessità di come funziona la tecnologia blockchain, possiamo forse aspettarci che questo 76% sia un numero un po' gonfiato. Tuttavia, è un numero enorme per cominciare, quindi anche diluendolo in modo conservativo, si può comunque trarre una conclusione toccante.

Il ruolo delle risorse digitali

[inv-florish id=”9008497″]

Poiché ora ci sono più di 12.000 criptovalute, la gamma di casi d'uso è vasta. La custodia delle risorse forse occupa un posto prevedibile come caso d'uso più previsto, tuttavia i casi d'uso al secondo e terzo posto (nuovi canali di pagamento e investimenti/portafogli diversificati) presentano scenari molto più dirompenti e intriganti.

Oltre il 40% degli intervistati ritiene che la criptovaluta avrà un ruolo nella propria organizzazione in queste aree, suggerendo un mondo in cui i fondi pensione detengono abitualmente criptovaluta, o le fatture e le entrate sono regolate in criptovaluta.

È senza dubbio molto probabile che "diversificare investimenti/portafogli" sia un ruolo svolto da Bitcoin, tuttavia la criptovaluta più grande del mondo potrebbe non essere necessariamente nella posizione migliore per fornire il caso d'uso per i "nuovi canali di pagamento" . Anche se la rete di Bitcoin ha fatto progressi tangibili in termini di scalabilità, rimangono una serie di criptovalute specificamente dedicate alla semplificazione del processo di pagamento.

Bitcoin è stata la prima criptovaluta e da allora la tecnologia blockchain si è evoluta in modo significativo. Sebbene il proof-of-work sia necessario per mantenere la forma di denaro più difficile e facilitare la creazione di un bene di valore affidabile, potrebbero esserci altri meccanismi blockchain, come il proof-of-stake, che potrebbero adattarsi ad un migliore processo di pagamento. Tuttavia, per ora, queste sono tutte speculazioni: forse Bitcoin dominerà anche lo spazio di pagamento.

Le conseguenze qui saranno probabilmente sismiche per l'industria in generale. Gli intermediari che rivendicano commissioni su tutti i tipi di spese (pagamenti con carta di credito, custodia dei beni, trasferimenti internazionali, rimesse, fornitori di liquidità per citarne alcuni) vedranno i loro settori capovolti, mentre la velocità e l'efficienza potrebbero migliorare man mano che i settori frammentati diventano razionali. C'è un "se" ed è un grande se: la criptovaluta mantiene le sue promesse.

Barriere all'ingresso

Quindi, cosa sta facendo riflettere le persone sull'inevitabile adattamento di massa della criptovaluta?

[inv-florish id=”9008561″]

Non sorprende che le barriere normative siano molto elevate, il 63% degli intervistati le cita come il più grande ostacolo all'uso delle risorse digitali a livello globale. Il settore dei servizi finanziari è uno dei più pesantemente regolamentati al mondo e l'andirivieni tra utenti e autorità di regolamentazione fa spesso notizia.

Amche se molti presumono che la regolamentazione raggiungerà le criptovalute e che si troverà una via di mezzo naturale man mano che il settore matura, forse sorprende di più il fatto che la sicurezza informatica metta al primo posto le preoccupazioni normative. Le criptovalute hanno fatto molta strada dai giorni di hack apparentemente quotidiani di alto profilo, come l'hacking di Mt Gox nel 2014, e collegamenti costanti al dark web e ad atti criminali illegali.

Tuttavia, questi dati rafforzano il fatto che le criptovalute rappresentano ancora una classe di attività enigmatica e oscura per la maggioranza. Anonime, irreversibili e altamente complesse, le risorse blockchain continuano ad intimidire molti anche tra i più bravi con la tecnologia. Insieme ai frequenti titoli dei media, come questo articolo della CNN in cui si afferma che i truffatori sono spariti con 14 miliardi nel 2021, non sorprende che le frodi siano così alte.

Oltre il 75% degli intervistati del settore dei servizi finanziari (FSI) concorda fortemente o in qualche modo sul fatto che la propria organizzazione perderà un'opportunità di vantaggio competitivo se non adotta la blockchain e le risorse digitali

Troviamo particolarmente interessante questa statistica di cui sopra. Evidenzia come la velocità di adozione delle criptovalute negli ultimi due anni abbia messo in guardia le aziende. Le criptovalute sono arrivate quasi dal nulla ad essere un argomento di cui si parla quotidianamente nelle sezioni di notizie finanziarie, nel bene e nel male. Come per ogni grande svolta, specialmente quando è coinvolta la tecnologia, ci saranno inevitabilmente dei perdenti, poiché le aziende e le industrie si trasformeranno a seguito dei progressi.

Anche questo va oltre le aziende: il più grande rialzista di Bitcoin di tutti, il presidente di El Salvador Nayib Bukele, afferma che presto sarà irresponsabile per i paesi non   possedere Bitcoin, tale è la sua scarsità e l'inevitabile aumento dei prezzi. Quando vediamo che il 75% degli intervistati ritiene che le proprie aziende potrebbero perdere un vantaggio se non si arrendono alla tecnologia, viene richiamato il ricordo della rivoluzione dei social media che ha investito il business nell'ultimo decennio, o di Internet in generale prima ancora.

Conclusione

Non c'è dubbio che questi dati dipingano un quadro estremamente rialzista per la continua crescita della criptovaluta.

Anche se dobbiamo rimanere consapevoli del fatto che la fascia demografica qui forse è più criptocentrica rispetto al cittadino medio, è comunque molto promettente per gli appassionati di risorse digitali. È un altro segnale ancora della legittimità che la criptovaluta ha raggiunto come classe di attività nell'occhio mainstream.

Le ramificazioni di alcune delle previsioni di cui sopra sono enormi: non commettere errori, gli ambienti finanziari e monetari in generale sarebbero completamente trasformati.

Tuttavia, se queste opinioni si avverino o meno, e in che misura, è una storia diversa. Immagino che dovremo aspettare e vedere, ma potrebbe essere una corsa divertente in entrambi i casi.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.