Home > News > Il co-fondatore russo di Revolut denuncia la guerra in corso in Ucraina

Il co-fondatore russo di Revolut denuncia la guerra in corso in Ucraina

  • Il CEO di Revolut Nik Storonsky ha spiegato di aver deciso di essere cauto nei suoi commenti pubblici e nelle sue azioni per il benessere dello staff russo di Revolut
  • Il suo co-fondatore ucraino Vlad Yatsenko ha criticato il presidente Putin la scorsa settimana per l'attacco all'Ucraina

Dopo un periodo di reticenza, l'amministratore delegato della società fintech londinese Revolut Nikolay Storonsky ha preso posizione contro l'invasione in corso della Russia in Ucraina. Il miliardario russo ha co-fondato Revolut con il suo partner ucraino Vlad Yatsenko, che funge da CTO della società di servizi finanziari.

Storonsky ha espresso la sua delusione per il conflitto Russia-Ucraina che ha intrapreso una rotta bellica tramite una lettera personale pubblicata ieri in un post sul blog. Ha affermato che la guerra tra i due paesi non sarebbe mai stata una risposta e ha chiesto una risoluzione immediata per porre fine al conflitto.

"Questa guerra è sbagliata e totalmente ripugnante. Sono inorridito e sconvolto dal suo impatto e aggiungo la mia voce a coloro che in tutto il mondo chiedono la fine immediata dei combattimenti e l'impegno per soluzioni diplomatiche. Non una persona in più dovrebbe morire in questo conflitto inutile", ha proclamato Storonsky.  

Il co-fondatore di Revolut ha spiegato di aver deciso di essere stato cauto sulla questione per il benessere del personale Revolut che lavora in Russia. Storonsky ha affermato che il personale russo dell'azienda non fa parte di questo conflitto e, in quanto tale, ha voluto salvaguardarlo.

"Nella scelta di cosa fare o dire pubblicamente, tuttavia, ho anche dovuto considerare prima il benessere dei nostri colleghi in Russia. Non hanno fatto nulla di sbagliato, hanno semplicemente contribuito a costruire Revolut…" , ha osservato.

Azioni oltre alle parole

Il CEO di Revolut ha anche rivelato che la sua azienda aveva già compiuto sforzi per assistere l'Ucraina. L'azienda sta facilitando le donazioni gratuite dei clienti ai lavori di soccorso della Croce Rossa ucraina. Storonsky afferma che le donazioni hanno raggiunto 1 milione di sterline in 24 ore e ha promesso che Revolut avrebbe duplicato le donazioni dei clienti fino a 1,5 milioni di sterline nella prossima settimana.

"Per ogni sterlina o euro o złoty o franco donato da un cliente Revolut all'appello, Revolut donerà lo stesso, da oggi per i prossimi 7 giorni, fino a 1,5 milioni di sterline", ha aggiunto.

A differenza di Storonsky, che ha adottato un approccio sottile sulla questione, il co-fondatore Vlad Yatsenko è stato molto esplicito contro la Russia. La scorsa settimana ha criticato il presidente Vladimir Putin, etichettandolo come un bugiardo sfacciato, per le sue azioni.

"Spero che la maggior parte dei russi sarà finalmente in grado di vedere che il loro presidente è uno dei bugiardi più sfacciati della storia… Usando le sfumature della 'difesa' dei russi, Putin ha attaccato un'Ucraina pacifica. L'Ucraina è e sarà libera!" ha twittato giovedì scorso.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.