Home > News > Il CEO di Coinbase cita “pressioni informali” per il ritiro dei pagamenti UPI in India

Il CEO di Coinbase cita “pressioni informali” per il ritiro dei pagamenti UPI in India

  • Il CEO di Coinbase, Brian Armstrong, afferma che l’exchange ha subito pressioni informali da parte della RBI per ritirare la sua opzione UPI (Unified Payments Interface) in India
  • Armstrong mantiene una posizione ancora rialzista, nonostante la perdita netta di 430 milioni di dollari segnalata da Coinbase nel primo trimestre

Il mese scorso, Coinbase ha lanciato i pagamenti UPI per gli utenti indiani ma prima ancora che l’opzione potesse partire è stata ritirata, senza che la piattaforma fornisse agli utenti alcuna spiegazione. UPI è un’infrastruttura di pagamento ampiamente utilizzata costruita da una rete di banche.

La decisione di ritirare l’offerta era stata preceduta da un avvertimento della National Payments Corporation of India (NPCI), che gestisce l’UPI. L’organizzazione ha negato di essere a conoscenza di “qualsiasi exchange di criptovalute” che utilizza i pagamenti UPI.

Pressioni informali da parte della RBI

Parlando dell’UPI, il CEO di Coinbase Brian Armstrong ha offerto una spiegazione durante la chiamata sugli utili di martedì, affermando che lo scambio ha ricevuto “pressioni informali da parte della Reserve Bank of India, che è una specie di organo equivalente del Tesoro .

Armstrong ha divulgato che per quanto le criptovalute non siano illegali in India, c’è una resistenza da parte della banca centrale del paese. Questa, seppur leggera, pressione ha reso difficile impostare i pagamenti tramite UPI.

Ha aggiunto che Coinbase ha accettato di collaborare con la RBI per trovare una soluzione che le consenta di stabilire ulteriori opzioni di pagamento.

Una perdita di 430 milioni, ma Armstrong è ancora rialzista

Tuttavia, martedì, Coinbase ha pubblicato il suo rapporto trimestrale, in cui ha rivelato una perdita netta del primo trimestre di 430 milioni di dollari che lo ha portato a scendere a 1,17 miliardi di dollari in entrate. Ciò ha rappresentato un calo di circa il 27% rispetto ai numeri del primo trimestre 2021. Le entrate del primo trimestre sono state anche meno della metà dei 2,5 miliardi registrati nel quarto trimestre dello scorso anno.

Inoltre, il numero di utenti attivi mensili ha raggiunto 11,4 milioni, in calo del 19% rispetto ai numeri del trimestre precedente. Ciò si aggiunge all’attuale contesto ribassista, ma il CEO di Coinbase insiste nel dire che egli rimane imperturbabile.

Giustificando la sua convinzione durante la pubblicazione degli utili, Armstrong ha detto agli investitori che in genere i periodi ribassisti sono spesso molto produttivi per Coinbase, ecco perché non è mai stato così tanto rialzista sull’azienda.

“Ci sono così tanti clienti che fanno un percorso arrivando da noi che dobbiamo avere tutti gli operatori al lavoro solo per mantenere tutto in esecuzione, quindi i periodi di inattività a volte sono una sorta di gradito cambiamento, nel senso che possiamo concentrarci sulla costruzione del prossimo livello di innovazione che ci avvantaggerà nel prossimo ciclo”.

Il dirigente di Coinbase ha anche indicato un prospetto condiviso dall’exchange lo scorso anno, insistendo sull’ambizione dell’azienda di continuare con l’adozione delle criptovalute anche con la volatilità del mercato.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.