Home > News > Il Barcelona rifiuta le offerte di sponsorizzazione di aziende cripto

Il Barcelona rifiuta le offerte di sponsorizzazione di aziende cripto

  • Diverse entità nel settore delle criptovalute hanno presentato offerte, ma la squadra di calcio le ha rifiutate
  • Si dice che il club catalano sia nelle fasi finali della conclusione di un accordo con Spotify

Le criptovalute hanno ottenuto l'adozione mainstream negli ultimi due mesi, portando a un'intersezione tra l'industria e altre nicchie. In particolare, le aziende e i brand di criptovaluta hanno speso ingenti somme in vari sport, specialmente negli Stati Uniti e in Europa.

Per i primi, le piattaforme crittografiche hanno preso di mira i principali campionati sportivi professionistici, tra cui NBA e MLB. In Europa, invece, hanno tenuto d'occhio le migliori squadre di calcio professionistiche in quanto garantiscono molta visibilità, elemento cruciale per una pubblicità del brand. All'inizio di questo mese, Tezos ha annunciato un accordo con il club della Premier League Manchester United che prevede l'applicazione del logo "Tezos" sulla divisa dei giocatori.

Barcellona non è aperta agli sponsor di criptovalute

In previsione della scadenza dell'accordo con l'attuale sponsor Rakuten, l'FC Barcelona ha deciso cercare un'altra sponsorizzazione. Essendo uno dei club più grandi del mondo, il Barcellona ha attratto molti potenziali sponsor disposti a sborsare un'enorme quantità di fondi per subentrare a Rakuten a luglio.

Le entità di criptovaluta non sono state timide nel presentare le loro offerte. I rapporti suggeriscono che l'exchange di criptovalute Binance e la piattaforma blockchain Polkadot hanno mostrato interesse a diventare i prossimi sponsor principali della maglia del club.

Polkadot ha offerto 110 milioni di dollari per un periodo di cinque anni, mentre si dice che Binance abbia presentato un accordo di 4-5 anni del valore di circa 80 milioni di dollari. Al di fuori del settore delle criptovalute, il club ha riscontrato l'interesse di altri marchi come Spotify e Vegan Nations, e si dice che il primo sia il favorito al momento.

Tuttavia, secondo un rapporto di martedì dell'outlet sportivo spagnolo Sport, il presidente del club Joan Laporta non sta cercando di stabilire legami con entità nel settore delle criptovalute, nonostante le loro offerte redditizie.

Il rapporto non menzionava categoricamente Binance o Polkadot, sebbene essi abbiano presentato le loro offerte il mese scorso. Il cda del club ha indicato la "mancanza di fiducia nel settore e la mancanza di solidità economica delle proposte" come motivazione per rifiutare gli accordi con le criptovalute.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.