Home > News > I mercati cripto hanno poca liquidità per sostenere la Russia, afferma Ari Redbord

I mercati cripto hanno poca liquidità per sostenere la Russia, afferma Ari Redbord

  • Ari Redbord di TRM Lab si aspetta che la Russia si rivolga alle criptovalute per evitare la pressione economica delle sanzioni dall'Occidente
  • Tuttavia, egli ritiene che i mercati delle criptovalute non siano sufficientemente liquidi per soddisfare le richieste finanziarie della Russia

In un'intervista con CNBC oggi Ari Redbord, il capo degli affari legali e governativi presso la società di trasparenza blockchain TRM Labs, ha suggerito che anche se la Russia volesse guardare alle criptovalute per riuscire a superare gli effetti delle sanzioni occidentali, semplicemente non otterrà quel che vuole.

Mentre gli Stati Uniti e i loro alleati tentano di chiudere la Russia fuori dal sistema finanziario in dollari, lo specialista in criptovalute ha teorizzato che si aspetta che la Russia alla fine si rivolga alle criptovalute.

"Le criptovalute forniscono un'alternativa ai sistemi finanziari tradizionali. Se il programma di sanzioni statunitensi si basa essenzialmente sullo stato del dollaro USA come valuta di riserva globale, vedremo la Russia tentare di aggirare il sistema finanziario statunitense passando alle criptovalute", ha affermato.

Tuttavia, ha riconosciuto che le criptovalute non sono pronte ad una scala sufficientemente alta per far fronte all'ondata crescente di sanzioni che sta colpendo Mosca. Redbord ha spiegato che per un paese delle dimensioni della Russia, sono necessari alti livelli di liquidità cripto (attualmente non disponibile sul mercato) per rimediare agli effetti delle sanzioni e finanziare la sua guerra in corso.

Rampa di salita e di discesa

Il dirigente di TRM Labs ha anche chiarito che, nel quadro più ampio, l'utilità cripto è attualmente limitata, e ciò significa che se la Russia dovesse passare alle criptovalute, sarà necessario utilizzare rampe on e off per sfruttare le conversioni fiat-cripto e cripto-fiat.

Ha notato che gli exchange di criptovalute in grado di fornire un'enorme fetta della liquidità del mercato, ad esempio Binance, hanno alcune misure di conformità e monitoraggio in atto, il che le rende opzioni non molto desiderabili per la Russia.

"… grandi exchange come quelli di cui sentiamo parlare, Coinbase, FTX e Binance e quei luoghi che dispongono di solidi controlli di conformità in atto. Hanno funzionari che inviano segnalazioni di attività sospette, utilizzano una soluzione di monitoraggio delle transazioni come TRM Labs per monitorare transazioni, per controllare i portafogli…” ha ipotizzato.

La Russia subisce un aumento delle sanzioni

In risposta all'azione militare in corso della Russia in Ucraina, negli ultimi giorni gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali hanno colpito la Russia con una serie di sanzioni.

Gli Stati Uniti, il Regno Unito e l'UE hanno messo in atto "misure restrittive" sulla banca centrale russa, bloccando di fatto le transazioni con la banca e congelandone i beni. Questa azione coordinata contro la banca centrale mirava a impedirle di "dispiegare le sue riserve internazionali in modi che minano l'impatto delle nostre sanzioni".

Il mondo occidentale ha anche deciso di rimuovere alcune banche russe dal sistema monetario internazionale SWIFT che interconnette le istituzioni bancarie in tutto il mondo. L'intenzione è di impedire a questi istituti di credito di operare in tutto il mondo.

Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.