Home > News > Glassnode vede profitti tra i possessori di BTC nonostante il recente crollo del mercato

Glassnode vede profitti tra i possessori di BTC nonostante il recente crollo del mercato

  • Glassnode afferma che tre quarti degli indirizzi Bitcoin sono in profitto anche se i mercati sono in difficoltà
  • I detentori di breve termine stanno vedendo una riduzione della realizzazione delle perdite, con una cifra attuale di 8,3k BTC al giorno

L’ edizione di questa settimana della newsletter On-Chain di Glassnode ha valutato lo sviluppo e la “salute” della base di utenti di Bitcoin come indicato dall’attività on-chain e dalla redditività della rete.

Il rapporto, pubblicato lunedì, ha rilevato che nonostante la recente condizione ribassista il mercato attuale sta andando meglio rispetto ai precedenti mercati ribassisti. I confronti mostrano che solo tra il 25% e il 30% del mercato si trova in una perdita non realizzata; tuttavia se la pressione lato vendita dovesse aumentare, la situazione potrebbe cambiare in peggio.

“L’attuale mercato ribassista non è così grave come le fasi peggiori di tutti i cicli precedenti, solo il 25-30% del mercato è in perdita non realizzata. Resta da vedere se un’ulteriore pressione sul lato delle vendite spingerà il mercato al ribasso e quindi trascinerà più gente in una perdita non realizzata come i cicli precedenti”, si legge nel rapporto.

Il rapporto ha mostrato che la redditività della rete è aumentata nei periodi peggiori di mercati ribassisti estesi consecutivi, dal 30%-42% nel 2015 al 45%-50% nel 2018 e dal 51-56% durante il mercato ribassista di marzo 2020. La tendenza al rialzo ora colloca tre quarti di tutti gli indirizzi che detengono Bitcoin in profitto nonostante il crollo del mercato del 2021/2022.

“… la redditività della rete è migliorata, indicando che da gennaio si è verificato un significativo riaccumulo. La redditività aggregata della rete rimane in una posizione molto più sana rispetto ai precedenti cicli ribassisti “.

Titolari a lungo termine contro titolari a breve termine

Per quanto riguarda l’offerta di token, Glassnode ha osservato che in un mercato ribassista, è molto probabile che i titolari a lungo termine (LTH) abbiano sostenuto mercati in perdita in passato – 2018 e 2020. Attualmente, il 13,7% dell’offerta in perdita non realizzata viene gestito dagli LTH, una percentuale che in precedenza ha toccato fino al 35%.

“La percentuale di monete LTH detenute in perdita ha raggiunto oltre il 35% dell’offerta nei precedenti cicli ribassisti, che è 2,5 volte in più il volume di monete relativo rispetto a quello che abbiamo nel mercato attuale”.

Per i titolari a breve termine (STH), si è registrato un aumento significativo della redditività. La perdita giornaliera realizzata è diminuita con l’attuale rally, riprendendosi da quando tutti i token nelle mani di STH erano in perdita a gennaio di quest’anno.

Inoltre, le prese di profitto sono in aumento, con perdite realizzate che scendono a 8.300 BTC al giorno, da circa 20.000 BTC al giorno. Glassnode ha spiegato che una tale realizzazione di perdite così elevata e continua è caratteristica di qualsiasi mercato ribassista.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.