Home > News > El Salvador offrirà uno sconto sul carburante per il pagamento con Bitcoin

El Salvador offrirà uno sconto sul carburante per il pagamento con Bitcoin

Bukele ha definito lo sconto sul prezzo del carburante "notizie positive per le tasche dei salvadoregni"

El Salvador, il primo paese al mondo a riconoscere Bitcoin come moneta a corso legale, ha annunciato che i consumatori locali che scelgono di pagare con Bitcoin utilizzando il portafoglio cripto Chivo, sostenuto dal governo, riceveranno una riduzione del prezzo di $0,20 per gallone di benzina.

Lo sviluppo può essere visto come un tentativo di incoraggiare i salvadoregni ad adottare Bitcoin come modalità di pagamento al fine di migliorare la partecipazione e aumentare l'impatto dell'esperimento Bitcoin del paese.

Il presidente Nayib Bukele è andato su Twitter per annunciare il sussidio, definendolo "notizie positive per le tasche dei salvadoregni".

Ha spiegato che Chivo ha negoziato con successo con le più importanti società di distributori di benzina del paese per consentire lo sconto di $0,20 per gallone. Bukele ha confermato che tutti gli individui e le aziende locali possono accedere allo sconto senza limitazioni.

Lo sviluppo fa parte di una serie di misure che il governo intende adottare per stabilizzare il prezzo interno del carburante.

Bukele ha annunciato che verrà creato un fondo per assorbire l'aumento internazionale dei prezzi globali del carburante per il prossimo anno e qualsiasi riduzione del prezzo sarà trasferita ai consumatori. Il mercato internazionale ha previsto un aumento di 1,17 dollari del prezzo di una bombola di benzina da 25 libbre.

Il presidente ha inoltre affermato che lo sconto ridurrà i costi di trasporto nelle catene di approvvigionamento e cancellerà gli imprevedibili aumenti del prezzo internazionale del carburante.

Tuttavia, il sussidio non è stato accolto da tutti, con un utente di Twitter che si chiede se andrà a beneficio del pubblico o se in qualche modo sarà proprio il pubblico a pagare per lo sconto.

Quei 20 cent verranno da tutti noi, giusto? Le stazioni di rifornimento non ci perdono, ed ecco il rimborso pagato con le tasse anche da chi cammina a piedi", ha affermato l'utente.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.