Home > News > Dorsey guida nuovo fondo per proteggere sviluppatori Bitcoin da problemi legali

Dorsey guida nuovo fondo per proteggere sviluppatori Bitcoin da problemi legali

La commissione del fondo determinerebbe quali casi e imputati riceveranno assistenza

Con la crescita delle criptovalute, Bitcoin e la sua più ampia comunità sono diventati ancora più presi di mira dagli organismi di regolamentazione e di conseguenza hanno subito ingenti sanzioni pecuniarie. Una nuova iniziativa di tre sostenitori di Bitcoin sta cercando di migliorare questa situazione.

L'ex capo di Twitter Jack Dorsey, insieme ad altri due sostenitori di Bitcoin Martin White e il co-fondatore di Chaincode Labs Alex Morcos, costituiranno il consiglio di amministrazione di un nuovo fondo, Bitcoin Legal Defense Fund, destinato a fornire "una risposta coordinata e formalizzata per aiutare a difendere gli sviluppatori."

Un "baluardo" per gli sviluppatori di software

Secondo un'e-mail inviata ieri agli sviluppatori di Bitcoin, il nuovo fondo sarebbe dedicato alla protezione degli stessi dalle cause legali che prendono di mire le loro azioni nell'ecosistema cripto. Spiegando ulteriormente la necessità della società no-profit di nuova creazione, i tre fondatori hanno affermato che gli sviluppatori open source sono spesso presi di mira e sono piuttosto vulnerabili alle pressioni legali. Il più delle volte, quando non hanno il supporto per combattere problemi legali, soccombono facilmente alle pressioni.

"Il Bitcoin Legal Defense Fund è un'entità senza scopo di lucro che mira a ridurre al minimo i mal di testa legali che scoraggiano gli sviluppatori di software dallo sviluppo attivo di Bitcoin e progetti correlati come Lightning Network, protocolli sulla privacy di Bitcoin", ha scritto Dorsey.

Su come il Fondo aiuterà a proteggere gli sviluppatori, la mail ha spiegato in dettaglio che esso finanzierebbe la ricerca e il mantenimento di un consulente legale di difesa. Aiuterebbe anche a sviluppare strategie di contenzioso e ad occuparsi delle spese legali. Il consiglio ha quindi chiarito che il Fondo per la difesa sarebbe stato del tutto facoltativo per gli sviluppatori.

Pronto a partire

Il team ha affermato che la decisione su quali imputati e azioni legali verranno sostenuti dal fondo sarà a discrezione del consiglio. L'e-mail ha espresso che al momento il Fondo non sta cercando denaro extra per gestire le sue operazioni. Tuttavia, in caso di necessità, il consiglio potrebbe approvare la raccolta di fondi aggiuntivi per azioni legali o il pagamento dei dipendenti.

Il primo obiettivo sarà il finanziamento di consulenti legali esterni per Tulip Trading Limited dello scienziato informatico australiano Craig Wright. Alcuni sviluppatori all'interno dell'azienda sono accusati di aver violato il dovere fiduciario, quindi sono stati sottoposti a un procedimento legale.

"La prima attività del Fondo sarà di assumere il coordinamento della difesa esistente della causa Tulip Trading contro alcuni sviluppatori per presunta violazione del dovere fiduciario e fornire la fonte di finanziamento per consulenti esterni", si legge nell'e-mail.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.