Home > News > Corte Suprema cinese dichiara illegale il finanziamento pubblico tramite criptovalute

Corte Suprema cinese dichiara illegale il finanziamento pubblico tramite criptovalute

  • La People's Bank of China aveva precedentemente messo fuori legge il commercio di criptovalute in tutto il paese
  • La nuova interpretazione giudiziaria della Corte Suprema ha enunciato punizioni per coloro che effettuano transazioni in criptovalute

Il divieto iniziale contro le attività di cripto della Cina posto a settembre, ha portato ad un crollo globale del mercato. Le autorità, all'epoca, hanno citato la minaccia alla stabilità finanziaria e il finanziamento di attività criminali come riciclaggio di denaro, gioco d'azzardo e frode come motivo della decisione. Tuttavia, non sono stati presi provvedimenti giudiziari o sanzioni per coloro che non l'hanno rispettata.

Ciò cambierà dal 1° marzo a seguito di una sentenza di giovedì della Corte Suprema del paese che ha modificato la legge penale in merito alla raccolta di denaro pubblico attraverso risorse virtuali. La corte ha aggiunto le transazioni crittografiche a quella che è considerata una "raccolta di fondi illegale".

La sentenza dell'apex court significa che la raccolta di fondi attraverso la vendita di token o criptovalute è ora formalmente riconosciuta come reato. In tal senso, i trasgressori saranno accusati ai sensi dell'articolo 176 della legge penale. L'entità della sanzione dipenderà dalla somma in questione e dalla gravità dell'infrazione.

La legge stabilisce che i perseguiti devono affrontare una pena detentiva da tre a dieci anni e una pena compresa tra RMB 50.000 (7.900$) e RMB 500.000 (79.000$). I crimini dichiarati meno gravi comportano una condanna a tre anni e una multa fino a 200.000 RMB (31.600 dollari). Lo sviluppo è l'ultimo di una serie di azioni volte a sradicare le criptovalute nel paese.

Confusione nella posizione della Cina sugli asset virtuali

Sebbene sia chiaro come il giorno che la Cina è contraria alle criptovalute, ci sono discrepanze nelle regole intorno alle stesse. La Cina ha bandito per la prima volta la raccolta fondi tramite risorse digitali nel 2017, ma non ha designato l'atto come reato penale. A maggio, il Consiglio di Stato ha iniziato a condurre attività di repressione del mining e del trading di criptovalute.

Più tardi, a settembre, la Peoples Bank of China ha vietato il mining e il commercio di criptovalute nel paese. La mossa ha portato ad un esodo di entità di mining di criptovalute verso giurisdizioni meno ostili come il Texas, negli Stati Uniti.

Tuttavia, il divieto di settembre, che colpisce anche le parti straniere che effettuano transazioni in criptovalute con residenti in Cina, non si riflette nell'emendamento apportato questa settimana. Sembra che anche le autorità regionali del paese dell'Asia orientale abbiano restrizioni diverse per le attività legate alle criptovalute.

Ad esempio, il mining di criptovalute può essere consentito in una provincia in un dato momento e quindi essere bandito nella stessa provincia in un momento diverso. Ci sono anche province che hanno completamente dichiarato illegale l'attività di mining. Mercoledì, la provincia costiera dello Zhejiang si è unita a Mongolia e Hainan per aumentare le tariffe elettriche per il mining di criptovalute.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.