Home > News > Christine Moy di JP Morgan è l’ultima dirigente a fuggire da Wall Street verso il mondo delle criptovalute?

Christine Moy di JP Morgan è l’ultima dirigente a fuggire da Wall Street verso il mondo delle criptovalute?

Il flusso inesorabile di lavoratori che si dimettono è diventato noto come le "Grandi Dimissioni". Oltre 33 milioni di americani hanno lasciato il lavoro tra la primavera del 2021 e la fine dell'anno, e il grafico sottostante mostra visivamente quanto sia stata netta la tendenza in termini storici.

Via FRED St. Louis

Effetti della pandemia

La pandemia ha inaugurato un modo di lavorare completamente nuovo. I dipendenti si sono resi conto di quanto sia poco divertente stare seduti nel traffico per due ore al giorno, o quanto non gli piaccia entrare in metropolitana all'ora di punta, con la faccia che sfiora l'ascella sudata di un ragazzo di un metro e 80 (perché c'è sempre qualcuno senza deodorante?!).

Le persone godono di orari flessibili (soprattutto se hanno bambini) e di un datore di lavoro attento ai loro desideri. Personalmente, ringrazio il cielo ogni mattina che non devo più indossare pantaloni troppo stretti e una camicia inamidata per andare in ufficio ogni mattina. Ora metto i pantaloni della tuta, grazie tante.

Ma c'è qualcosa che ho trovato particolarmente interessante nel modello delle dimissioni, ed è l'esodo dei lavoratori trad-fi nello spazio crittografico. E sì, mi sento a mio agio nell'usare la parola esodo, perché è esattamente quello che è. Banche d'investimento, società commerciali, studi legali: un numero crescente di dipendenti sta lasciando questi lavori per fare il salto nel settore delle criptovalute (ero uno di loro!).

Andrew Pompliano ha scritto un paio di settimane fa che gli exchange di criptovalute di Coinbase, Binance, Kraken, BlockFi e Gemini hanno aggiunto quasi 5.000 dipendenti. Aneddoticamente, di me e dei miei tre coinquilini, solo uno su quattro di noi deve ancora entrare nel mondo del lavoro a distanza in criptovalute (alla fine cederà). Adoro anche la storia di quattro sviluppatori di Facebook che si sono licenziati insieme per fondare una start-up Web3.

Maya Miller, CPO di Blockchain.com, lo ha riassunto bene quando ha detto :

“Credo che nessuno possa dire che non c'è migrazione. Ma perché lo fanno? Soldi, soldi, soldi e il vantaggio è enorme. Ma qual è il lato negativo? Forse non funziona".

è interessante soffermarsi sul lato negativo, immagino che forse non funzioni?

Perché le criptovalute?

Soddisfatti di denaro VC, molte aziende di criptovalute hanno sicuramente soldi da offrire. Ma qui ci sono più fattori di attrazione in gioco. I candidati si stanno accalcando per unirsi ad uno spazio che sta crescendo ad un ritmo sbalorditivo, innovandosi e trasformandosi apparentemente ogni giorno, mentre i media mainstream stanno fornendo sempre più copertura al settore nascente. NFT, monete meme, finanza decentralizzata, metaverse, social token: i prodotti sono vasti e ci sono nuove sfaccettature che spuntano continuamente.

Si collega anche a temi più ampi visti durante le Grandi Dimissioni: molte di queste aziende sono in remoto e offrono termini più flessibili rispetto alle aziende trad-fi storiche, inolrte i lavoratori vedono più uno scopo lavorare in aziende che sono spesso molto più piccole ma in crescita a ritmi tangibili, invece di voler fare esperienza nel mercato dei capitali. Inoltre, c'è un atteggiamento intrinsecamente irriverente e anti-corporativo nel mondo ribelle delle criptovalute; i giorni del comportamento formale, irreggimentato e di deambulazione sul lavoro sono alle spalle, cosa che i dipendenti hanno imparato ad apprezzare di più durante la pandemia. Le persone vogliono godersi il proprio lavoro.

Christine Moy

Christine Moy, a capo della criptovaluta e del metaverso di JP Morgan, è diventata l'ultima a fuggire dal mondo trad-fi. Bene, per essere chiari, non sappiamo con certezza se è diretta verso le criptovalute, ma JP Morgan ha confermato in un comunicato che si tratta di "un'opportunità esterna".

Leggendo tra le righe e dato il fatto che, nelle stesse parole di JP Morgan, Moy è stata "strumentale nella costruzione e nella guida del programma blockchain di JP Morgan, a partire dal 2015 quando il team blockchain era composto da meno di cinque persone", sono disposto scommettere che è diretta sulle criptovalute. Forse la prova più forte di tutte sta in realtà nella sua dichiarazione apparentemente innocua fatta nel suo post su LinkedIn: "Per quanto riguarda la mia prossima avventura di costruzione di mondi, per favore restate sintonizzati. Sono super entusiasta di condividere con voi quello che ho in serbo! #wgmi ” – il #wgmi, ovviamente, è un popolare acronimo in cripto, che sta per “ce la faremo”. Sì, sono abbastanza sicuro che sia diretta nel metaverso.

Tempistiche

Il tempismo è alquanto bizzarro. Solo la scorsa settimana, JP Morgan è diventata la prima banca ad entrare nel metaverso, aprendo una filiale a Decentraland, chiamata Onyx Lounge. È stato un momento fondamentale per la banca, il cui CEO Jamien Dimon ha notoriamente etichettato Bitcoin come una "frode" in passato e predetto che "non sarebbe finita bene".

All'interno del ramo del metaverso, un ritratto di Jamie Dimon può essere visto ironicamente sul muro, ma quando ci si avvicina con l'avatar, in realtà cambia in quello di Christine Moy. Un fumetto si apre, dicendo "Benvenuto nel nostro spazio!". Navigando proprio ora col mio avatar, dopo la notizia delle dimissioni di Moy, il messaggio di benvenuto sembrava un po' vuoto. Sarà interessante vedere se/quando JP Morgan lo cambierà.

Il mio avatar nel ramo del metaverso di JP Morgan, con il ritratto di Christine Moy (NFT) sul muro. E sì, quella è una tigre che si aggira nell'atrio.

Grande perdita per JP Morgan

È una grossa perdita per la banca d'investimento e un enorme bottino per qualsiasi azienda di criptovalute che la prenderà, supponendo che finisca lì. Prima dei suoi sette anni alla guida del team blockchain, ha anche lavorato nel trading di prestiti sindacati, nelle materie prime globali e nel marketing durante un periodo in JP Morgan durato 18 anni.

Gli appassionati di criptovalute spesso guardano dall'alto in basso Wall Street come se fossero tirapiedi aziendali bloccati nei loro mondi; delle specie di dinosauri che hanno truccato un sistema inefficiente a loro vantaggio. Moy, da parte sua, non ha tale reputazione. Appassionata di tecnologia blockchain e criptovaluta in generale, Moy ha espresso il suo sostegno al settore e una rapida lettura dei risultati che ha delineato nella sua dichiarazione su LinkedIn mostra la sua profondità delle conoscenze e dei suoi criteri come candidata.

Batte il mio curriculum…

Scavando attraverso forum e Twitter, mi sono sforzato di trovare qualsiasi indizio su dove potrebbe atterrare Moy. Purtroppo non sono riuscito a trovare nulla di sostanziale, ma sono sicuro che un annuncio è imminente.

La nostra missione è stata "rendere possibile l'impossibile", ha continuato Moy nella sua dichiarazione. "Guido una cultura di squadra incentrata sull'essere audaci e resilienti, sfidare lo status quo e agire con urgenza".

Ha fatto tutto questo e altro, e senza dubbio continuerà a farlo in futuro. Semplicemente non sarà con JP Morgan; potrebbe non essere affatto con un'azienda trad-fi.

Sembra che la cripto abbia catturato un altro pesce, e questo è grosso.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.