Home > News > CEO di FTX parla della crisi del mercato durante l’invasione russa dell’Ucraina

CEO di FTX parla della crisi del mercato durante l’invasione russa dell’Ucraina

  • Sam Bankman-Fried ha affermato che i paesi dell'Europa orientale potrebbero considerare Bitcoin un'alternativa alle loro valute destabilizzate
  • Ha anche esplorato le posizioni contrastanti tra investitori fondamentali e algoritmici

All'inizio di giovedì, i rapporti sull'invasione dell'Ucraina da parte dell'esercito russo hanno portato Bitcoin e altri mercati cripto a crollare. Anche i mercati azionari sono caduti quando la Russia ha avviato quella che il presidente Putin ha definito un'operazione di smilitarizzazione in Ucraina.

In un recente thread su Twitter, il CEO di FTX Sam Bankman-Fried ha condiviso la sua opinione sulla massiccia correzione che hanno visto i mercati delle criptovalute. Secondo i dati forniti da CoinMarketCap,   Bitcoin è sceso fino a 34.459$. I mercati si sono in una certa misura recuperati e il ticker è attualmente scambiato a 35.482$.

Sentimenti contrastanti sul prezzo di Bitcoin

Per cominciare, Bankman-Fried ha analizzato due scenari. Ha spiegato che, da un lato, l'escalation della crisi significa che ci sono meno soldi liquidi in giro poiché le persone devono "pagare per la guerra", il che si traduce in una diffusa svendita di asset, inclusi Bitcoin e azioni.

Poi di nuovo, ha affermato che l'escalation dell'azione militare russa avrebbe probabilmente destabilizzato le valute dell'Europa orientale, trasformando BTC in una valuta di "copertura" della crisi. In quanto tale, ha teorizzato che i sistemi finanziari della regione potrebbero anche cercare una via (Bitcoin) per le loro risorse.

"D'altra parte, questa situazione è probabilmente destabilizzante per le valute dell'Europa orientale. E, più in generale, per i sistemi finanziari dell'Europa orientale. Il che significa che potrebbero cercare alternative. Se tu fossi in Ucraina in questo momento, dove ti fideresti di tenere i tuoi soldi?" Ha detto.

Con questi scenari contrastanti, ha ritenuto che ci sia da discutere in entrambi i casi del "come dovrebbe comportarsi Bitcoin".

Il tira e molla tra due gruppi di investitori

Spiegando che i fondamentali non indicavano che Bitcoin sarebbe crollato, il CEO di FTX ha raggruppato gli investitori in due gruppi: fondamentali e algoritmici.

L'investitore algoritmico è quello le cui operazioni sarebbero basate su modelli di dati storici. Stime recenti mostrano che Bitcoin mostra una correlazione fino all'80% con le azioni; quindi quando gli algoritmi vedono le azioni in calo, si aspettano che anche Bitcoin crolli.

I fondamentali, invece, restano incerti su quale direzione prenderebbe. Il tira e molla che ne consegue tra questi due gruppi fa sì che Bitcoin si fermi a metà come ha fatto oggi.

"Gli investitori fondamentali sono neutrali, ma gli investitori algoritmici vedono l'S&P500 scendere del 4%, quindi si aspettano che BTC scenda del 4*4%=16% sulla base di studi storici. C'è una spinta e un'attrazione, con gli investitori fondamentali che acquistano e gli investitori algoritmici che vendono; in rete, BTC finisce a metà strada, in calo dell'8% rispetto alla giornata", ha affermato.

Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.