Home > News > Buterin, co-fondatore di Ethereum, etichetta Bitcoin Cash come un fallimento

Buterin, co-fondatore di Ethereum, etichetta Bitcoin Cash come un fallimento

Buterin è stato anche orgoglioso di notare che egli aveva previsto lo sviluppo di scambi decentralizzati come UniSwap

Appena un giorno dopo l'inizio del nuovo anno, il co-fondatore di Ethereum Vitalik Buterin ha lanciato un "mini-tweetstorm" in cui ha rivisto i commenti che ha fatto in passato su questioni relative alle criptovalute, fornendo la sua posizione attuale su tali argomenti.

Un tweet in particolare che si è distinto dagli altri è stato quello in cui egli definisce Bitcoin Cash un fallimento in gran parte. Lanciato nell'agosto 2017, Bitcoin Cash è stato sviluppato come un fork di Bitcoin che offriva volumi di transazioni maggiori per blocco e commissioni ridotte grazie ai blocchi più grandi. Nelle sue fasi iniziali, il token ha avuto successo e, a metà novembre di quell'anno, aveva superato Ethereum in termini di capitalizzazione di mercato. A quel punto, Buterin aveva espresso la sua opinione dicendo che il fork fosse diventato un legittimo contendente per il nome Bitcoin a causa dei suoi blocchi più grandi.

"Ero ottimista su Bitcoin Cash in particolare perché nella guerra di ridimensionamento ero d'accordo con l'idea di un grande blocco più di quelli piccoli.", si legge nel tweet.

Tuttavia, fast forward al 2022, il token è caduto nell'ordine gerarchico classificandosi al 25° posto nella capitalizzazione di mercato, rispetto al secondo posto di Ethereum. La sua discesa mostra che il token non era degno detentore del nome Bitcoin, avendo ceduto alla prova del tempo.

"Oggi definirei BCH per lo più un fallimento. Il mio principale punto di vista è questo: le comunità formate attorno ad una ribellione, anche se partono da una buona causa, spesso hanno difficoltà nel lungo termine perché apprezzano il coraggio rispetto alla competenza e sono unite intorno alla resistenza piuttosto che una strada coerente".

Il corretto e il non così corretto

Buterin ha evidenziato di aver correttamente previsto lo sviluppo degli scambi decentralizzati. Il programmatore canadese-russo ha anche dimostrato di essere un appassionato di altcoin ancor prima che diventassero famose. D'altro canto il 27enne aveva perso l'occasione di vedere un futuro con gli NFT, che sono esplosi lo scorso anno.

Buterin ha condiviso lo screenshot di una presentazione del 2015 sulle previsioni sullo sharding e le scadenze PoS che persino lui trova ridicole in quanto erano selvaggiamente ottimiste. Spiegando come egli fosse radicato come apologeta della prova del lavoro nel 2012, Buterin ha affermato di aver iniziato ad esplorare PoS nel 2013. Nel 2014, era completamente un sostenitore della PoS.

Il co-creatore di Ethereum ha anche mantenuto la sua posizione sulla sua affermazione iniziale che sostiene che il denaro online non dovrebbe costare più di 5 centesimi a transazione. Ha rivelato che il team di ricerca di Ethereum sta lavorando per trovare una soluzione efficace per i problemi di ridimensionamento della blockchain.

Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.