Home > News > Bitfarm rivela di aver comprato BTC durante il crollo del mercato a gennaio

Bitfarm rivela di aver comprato BTC durante il crollo del mercato a gennaio

La società di mining ha ricevuto un prestito di 100 milioni di dollari da Galaxy Digital alla fine dello scorso anno

La società canadese di mining di bitcoin Bitfarms ha dichiarato lunedì di aver acquistato Bitcoin poiché i mercati sono crollati fino al 12% nella prima settimana di gennaio. Spiegando la strategia dell'azienda, il CEO e fondatore Emiliano Grodzki ha affermato che Bitfarms intende accumulare più Bitcoin possibile nel più breve tempo possibile.

"Con il calo del bitcoin, abbiamo colto l'opportunità di trasferire denaro in BTC", ha spiegato il dirigente, aggiungendo: "La nostra strategia aziendale a Bitfarms è quella di accumulare più Bitcoin al minor costo e nel minor tempo possibile a beneficio dei nostri azionisti".

La società mineraria aveva coniato 363 BTC il mese scorso e 339 a novembre, portando la cifra annuale intorno ai 3.452 token. Bitfarms ha sborsato 43,2 milioni di dollari per acquisire un gruzzolo da 1.000 bitcoin. L'acquisizione ha portato il numero totale di monete nella sua scorta a oltre 4.400, traducendosi all'incirca nel 30% del tesoro di Bitcoin.

Il mercato dei bitcoin è momentaneamente crollato ma si è ripreso di nuovo

Ieri, Bitcoin ha guidato i mercati in una profonda crisi che ha visto la moneta digitale più preziosa del mondo scendere brevemente al di sotto del livello cruciale dei 40.000$. Anche Ethereum, al secondo posto, ha sofferto allo stesso modo scendendo al di sotto del punto critico di supporto di 3.000$.

Mentre Bitcoin ha avuto in gran parte un brutto anno sui mercati, la caduta di ieri ha segnato il minimo degli ultimi tre mesi (dal 21 settembre) a 39.678$, secondo CoinDesk. Tuttavia, il mercato si è ripreso rapidamente quando Bitcoin è tornato ad essere scambiato al di sopra dei 40.000$.

Le previsioni ribassiste del mercato nei primi giorni dell'anno sono state il risultato di diversi fattori. Il Kazakistan, un importante hub per la rete Bitcoin, ha recentemente assistito a disordini civili che hanno causato la chiusura di Internet che, in effetti, ha messo fuori uso una buona quota di minatori di Bitcoin.

Inoltre, i verbali della Federal Reserve pubblicati il 5 gennaio suggeriscono che la Federal Reserve abbia cambiato idea con il suo approccio ad alcune politiche monetarie e, nel complesso, non hanno giovato al Bitcoin già in declino.

Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.