Home > News > Alto funzionario ucraino vuole congelare le risorse cripto dei russi

Alto funzionario ucraino vuole congelare le risorse cripto dei russi

  • Il primo vice ministro ucraino ha chiesto agli exchange di criptovalute di tutto il mondo di congelare gli asset detenuti dagli utenti russi
  • Mykhailo Fedorov ha indicato la piattaforma NFT DMarket che aveva già avviato tali restrizioni
  • Nessuno dei principali scambi di criptovalute ha finora trattenuto le normali risorse degli utenti in Russia

Nel mezzo di un evento che ha suscitato emozioni contrastanti, il vice primo ministro ucraino, Mykhailo Fedorov, ieri ha chiesto a tutti gli exchange cripto globali di bloccare gli indirizzi collegati agli utenti in Russia. Fedorov ha insistito in particolare sulla garanzia che le azioni di congelamento abbiano un impatto anche sugli utenti quotidiani oltre ai leader politici.

"Chiedo a tutti i principali exchange di criptovalute di bloccare gli indirizzi degli utenti russi. È fondamentale congelare non solo gli indirizzi legati ai politici russi e bielorussi, ma anche sabotare gli utenti ordinari", ha detto in un tweet, per esercitare maggiore pressione economica sul presidente Putin per fermare l'invasione russa dell'Ucraina.

L'azione è già in gioco

Il vice primo ministro ha citato la piattaforma NFT fondata in Ucraina DMarket che ha congelato le risorse degli utenti e limitato la registrazione sulla piattaforma da parte di cittadini russi e bielorussi.

"… DMarket, una piattaforma per il commercio di oggetti NFT e In-game Metaverse, ha deciso di bloccare gli account degli utenti della Federazione Russa e della Bielorussia. I fondi di questi account potrebbero essere donati allo sforzo bellico. Robin Hood di oggi! Bravo", ha affermato Fedorov, che è anche il ministro della Trasformazione digitale dell'Ucraina in un tweet successivo.

Annunciando la decisione, DMarket aveva spiegato che il Rublo russo non era più disponibile sulla sua piattaforma. Il mercato ha chiarito che tutti gli utenti avrebbero mantenuto le loro partecipazioni, solo che l'accesso ad esse era stato limitato per il momento.

"La startup ucraina DMarket interrompe tutti i rapporti con Russia e Bielorussia a causa dell'invasione dell'Ucraina. La registrazione sulla piattaforma è vietata agli utenti provenienti da Russia e Bielorussia. Gli account degli utenti precedentemente registrati da queste aree sono congelati".

Kraken potrebbe, ma Binance no

Dall'altra parte del divario, gli utenti sostengono che se gli scambi centralizzati dovessero limitare l'accesso a russi e bielorussi, andrebbe va contro all'intero scopo della libertà finanziaria associata all'uso delle criptovalute.

Da allora un rappresentante di Binance ha detto a Reuters che l'exchange non intende scoraggiare la libertà della criptofinanza congelando gli asset. Il portavoce ha spiegato che l'exchange lavorerebbe invece per garantire che le sanzioni già delineate vengano emanate con il minor impatto possibile sugli utenti innocenti.

"Non congeleremo unilateralmente gli account di milioni di utenti innocenti. Le criptovalute hanno lo scopo di fornire una maggiore libertà finanziaria alle persone in tutto il mondo".

Da parte sua, il CEO di Kraken, Jesse Powell, ha indicato oggi che l'exchange non avrebbe emanato un tale divieto, ma che se dovesse emergere un requisito legale (come recentemente emesso dal governo canadese) in tal senso, la sua posizione potrebbe cambiare.

"Comprendo il motivo di questa richiesta ma, nonostante il mio profondo rispetto per il popolo ucraino, Kraken Exchange non può bloccare i conti dei nostri clienti russi senza un obbligo legale in tal senso. I russi dovrebbero essere consapevoli che un tale requisito potrebbe essere imminente". ha osservato l'amministratore delegato.

Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.